Camillo Benso di Cavour

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Camillo Benso di Cavour

Messaggioda MMT » sabato 7 febbraio 2004, 17:36

Sto cercando di ricostruire le vicende relative al titolo comitale di Camillo Benso di Cavour.
Immagine

Camillo (1810-1861) era un figlio cadetto di Michele Benso marchese di Cavour (1781-1850) e di Adele de Sellon. Gli venne poi concesso in seguito ai suoi meriti il titolo comitale. Quello che non capisco è però questo: il titolo comitale non riguarda Cavour, di cui i Benso, nella linea primogenita, sono marchesi, e quindi riguarda altro o appoggiato al cognome. E' dunque errato dire il Conte di Cavour?

I titoli dei Benso sono:
marchesi di Cavour (1742); conti di Albugnano, Baldissero, Isolabella, Montanera, Pino Torinese e Castelvecchio, Pralormo; signori di Corveglia, Dusino, Mondonio, Ottiglio, Ponticelli; consignori di Castagnole, Cellarengo e Menabò, Cereaglio, Chieri, S. Salvatore, Santena, Valfenera

Potrebbe dunque essere che Camillo venne creato conte di Albugnano... per esempio e quindi si dovrebbe dire: conte Camillo Benso di Albugnano, dei marchesi di Cavour... o no?

L'arma dei Benso di Cavour è d'argento, al capo di rosso, caricato di tre conchiglie d'oro.
Immagine
( http://members.xoom.it/blasonpiemon/benso.JPG )

Un saluto cordiale a tutti,
Michele Tuccimei di Sezze
MMT
 
Messaggi: 4651
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Re: Camillo Benso di Cavour

Messaggioda pierfe » sabato 7 febbraio 2004, 19:56

Michele Tuccimei di Sezze ha scritto:Sto cercando di ricostruire le vicende relative al titolo comitale di Camillo Benso di Cavour.
Immagine

Camillo (1810-1861) era un figlio cadetto di Michele Benso marchese di Cavour (1781-1850) e di Adele de Sellon. Gli venne poi concesso in seguito ai suoi meriti il titolo comitale. Quello che non capisco è però questo: il titolo comitale non riguarda Cavour, di cui i Benso, nella linea primogenita, sono marchesi, e quindi riguarda altro o appoggiato al cognome. E' dunque errato dire il Conte di Cavour?

I titoli dei Benso sono:
marchesi di Cavour (1742); conti di Albugnano, Baldissero, Isolabella, Montanera, Pino Torinese e Castelvecchio, Pralormo; signori di Corveglia, Dusino, Mondonio, Ottiglio, Ponticelli; consignori di Castagnole, Cellarengo e Menabò, Cereaglio, Chieri, S. Salvatore, Santena, Valfenera

Potrebbe dunque essere che Camillo venne creato conte di Albugnano... per esempio e quindi si dovrebbe dire: conte Camillo Benso di Albugnano, dei marchesi di Cavour... o no?

L'arma dei Benso di Cavour è d'argento, al capo di rosso, caricato di tre conchiglie d'oro.
Immagine
( http://members.xoom.it/blasonpiemon/benso.JPG )

Un saluto cordiale a tutti,
Michele Tuccimei di Sezze


Perchè non pensi al sistema francese?
In Francia i titoli nobiliari si declinano (per cortesia) nel seguente modo:
- duca (capo della casa)
- il primogenito usa il titolo di marchese
- il secondogenito usa il titolo di conte
- il terzogenito quello di visconte
- il quartogenito quello di barone

Nel caso di Camillo Benso essendo fratello secondogenito del Marchese di Cavour ovviamente era chiamato per cortesia "Conte di Cavour"

Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda MMT » domenica 8 febbraio 2004, 13:58

Caro Pier Felice,
grazie per la risposta. Quindi, ricapitolando, Camillo Benso non ebbe una concessione exnovo del titolo di conte, bensì era un trattamento di cortesia....!?

Ciao,
Michele
MMT
 
Messaggi: 4651
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda Karl von Blaas » lunedì 9 febbraio 2004, 10:30

Ma no, caro Sezze,

era il conte di Albugnano prima della morte del fratello primogenito. Poi divenne Marchese di Cavour, ma essendo stato sempre conosciuto e chiamato con il titolo comitale rimase "conte" fino alla fine dei suoi giorni, mentre il predicato di Cavour era piemontesemente utilizzato come un cognome.

Cordialità
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Messaggioda Karl von Blaas » lunedì 9 febbraio 2004, 10:54

specifico. Secondo le regole successorie più seguite il Capo Famiglia concedeva la "cortesia" ai fratelli ultrogeniti di portare un titolo feudale compreso nel patrimonio nobiliare della famiglia. Così avvenne per Camillo Benso, che portava il titolo "di cortesia" di conte d'Albugnano e/o di Isolabella (non mi ricordo bene).
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Messaggioda pierfe » lunedì 9 febbraio 2004, 11:20

Karl von Blaas ha scritto:specifico. Secondo le regole successorie più seguite il Capo Famiglia concedeva la "cortesia" ai fratelli ultrogeniti di portare un titolo feudale compreso nel patrimonio nobiliare della famiglia. Così avvenne per Camillo Benso, che portava il titolo "di cortesia" di conte d'Albugnano e/o di Isolabella (non mi ricordo bene).


Camillo Benso usava il titolo di cortesia di Conte di Cavour non altri titoli del patrimonio storico della famiglia. Questo uso è ancora seguito in Francia.
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda Karl von Blaas » lunedì 9 febbraio 2004, 11:34

Gentile Degli Uberti,

se mai usava il titolo di cortesia di conte ed il predicato come cognome, non il titolo comitale appoggiato su Cavour. Gli ultrogeniti piemontesi usavano più spesso il trattamento di cavaliere. Comunque una cosa è certa: divenne poi marchese di Cavour.

Con ogni cordialità
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Messaggioda pierfe » lunedì 9 febbraio 2004, 11:47

Karl von Blaas ha scritto:Gentile Degli Uberti,

se mai usava il titolo di cortesia di conte ed il predicato come cognome, non il titolo comitale appoggiato su Cavour. Gli ultrogeniti piemontesi usavano più spesso il trattamento di cavaliere. Comunque una cosa è certa: divenne poi marchese di Cavour.

Con ogni cordialità


Chi divenne marchese di Cavour?
Ho cercato di spiegare l'uso e la titolatura di Camillo Benso mi spiace che non intenda.
Cordialità
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda Karl von Blaas » lunedì 9 febbraio 2004, 12:02

E' vero, il nipote Ainardo Benso, celibe e ultimo marchese di Cavour, morì quattordici anni dopo Camillo, il quale non divenne mai marchese di Cavour.

Cedo innanzi al sapre di un piemontese doc.

Cordialità
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Titoli di cortesia alla francese

Messaggioda Emanuele Pigni » lunedì 9 febbraio 2004, 13:48

Non sono un esperto di diritto nobiliare del vecchio Piemonte (sarebbe una contraddizione in termini, perché sono lombardo), però suppongo che la famiglia Benso di Cavour facesse uso di titoli di cortesia alla francese: vale a dire, il primogenito o il fratello cadetto di un titolato vivente usa un titolo nobiliare di grado immediatamente inferiore, con lo stesso predicato del titolo del capo di casa. (Chi ha letto il "Rouge et noir" ricorda certamente che il figlio del marchese de La Mole era chiamato il conte de La Mole.)

Con i miei saluti più cordiali.

Emanuele Pigni
Emanuele Pigni
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 17 dicembre 2003, 11:16

Messaggioda Karl von Blaas » lunedì 9 febbraio 2004, 15:55

Assolutamente vero ma altrettando giuridicamente scorretto. In Francia durante il 1800 si presa l'abitudine di "declinare" (décliner un titre) anche un titolo feudale unico, titolo che andava solo al capo di famiglia. E' una consuetudine a-giuridica che appare sotto Napoleone I.

Cordialità
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Messaggioda Karl von Blaas » mercoledì 11 febbraio 2004, 13:54

Si, ma dal momento che incominciarono a "declinare" anche i non pari (come i Benso), la ritengo agiuridica per questi ultimi.

Cordialità
Karl von Blaas
 
Messaggi: 52
Iscritto il: martedì 23 dicembre 2003, 13:29

Messaggioda pietro.i » domenica 19 novembre 2006, 1:46

Karl von Blaas ha scritto:E' vero, il nipote Ainardo Benso, celibe e ultimo marchese di Cavour, morì quattordici anni dopo Camillo, il quale non divenne mai marchese di Cavour.

Cedo innanzi al sapre di un piemontese doc.

Cordialità


Riprendo questa datata discussione per una curiosità: la famiglia "Benso marchesi di Cavour" si è dunque estinta?
Grazie.
"E del resto il fato non può essere sempre e comunque cinico e baro".
Avatar utente
pietro.i
 
Messaggi: 215
Iscritto il: giovedì 8 gennaio 2004, 3:31
Località: Napoli

Messaggioda Cottoneum » domenica 19 novembre 2006, 13:29

Se non vado errato i titoli passarono ai Visconti Venosta, anche loro estinti.
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda Gian » lunedì 20 novembre 2006, 1:38

da piemontese confermo l'utilizzo dei titoli declinati, altri usi tipici del piemonte furono l'uso del titolo di conte per i signori( e qui in piemonte sono moltissimi ad avere il titolo di signore di...)con la corona comitale ocon le perle abbassate sul cerchio o la corona principesca... altri usi consueti erano l'elmo posto di fronte per tutti i titoli...tutte cose da me spesso osservate...
Gian
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Prossimo

Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti