Identificazione stemma a Casola/Casertavecchia

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, fra' Eusanio da Ocre, Antonio Pompili

Identificazione stemma a Casola/Casertavecchia

Messaggioda araldo73 » venerdì 17 febbraio 2012, 16:58

Salve a tutti,
chiedo il Vostro aiuto per l'identificazione di questo stemma presente sul portone di accesso ad un palazzotto gentilizio
nel quartiere di Casola/Casertavecchia
Grazie.

Immagine
araldo73
 
Messaggi: 8
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2012, 19:53

Re: Identificazione stemma a Casola/Casertavecchia

Messaggioda Delehaye » giovedì 8 marzo 2012, 2:04

Il toponimo sembra comparire per la prima volta in un atto notarile del 1298 nel quale viene menzionata, nel territorio, una seconda chiesa, quella di Sant' Eulerio (oltre alla Chiesa «Sancti Laurentii»), da localizzarsi, presumibilmente, nei pressi dell'attuale cimitero.
Nel XIV secolo, il villaggio conobbe un periodo di sviluppo economico accompagnato da un significativo incremento demografico. La cessazione del pericolo di incursioni, che aveva reso meno precaria la sopravvivenza fuori le mura urbane, lini col favorire l'esodo dei contadini da Casa I Urta a valle, che si stabilirono più vicini ai campi da coltivare, lungo il declivio del monte Tifata. Il paesaggio urbano prese a caratterizzarsi in modo definitivo: la città sul monte, e, intorno ad essa, più a valle, una costellazione di piccoli nuclei rurali, diversificati ma interdipendenti.
Nel 1635 Casolla contava appena 94 fuochi (507 abitanti ), ma il casale, dovendo servire anche gli altri centri, possedeva la «chianca» ed una «spezieria» di medicina, la relazione inventariale contava "120 sacerdoti, 13 dottori di legge, 5 medici, 3 cerusici, 13 notai, 8 speziali e diversi artieri".
Nel 1749 gli abitanti erano 718.
nel 1775 erano già 1000, tra i quali 3 medici ed 1 notaio e 14 sacerdoti.
Nel 1898 la popolazione era salita a 1344 abitanti, per la maggior parte proprietari terrieri e fabbricanti di colla forte, che spedivano in grande quantità sulla piazza di Napoli.
In questo periodo Casolla è anche sede di delegazione municipale per le borgate del quartiere, che comprendeva anche Piedimonte, Staturano e Mezzano.
Conta oggi circa 2450 abitanti.

A Casolla abitavano come famiglie notabili:

- Alois (imparentati con Caracciolo) ("un leone che mantiene con la zampa destra un giglio")
- Basilio
- Caraciolo (imparentati con Alois)
- Cocozza Marchese di Montanara ("di azzurro alla fascia d'oro accompagnata in capo da una zucca al naturale con due foglie di verde sormontata da una stella ad otto raggi d'oro nella punta da tre bande d'oro")
- Cutillo
- D'Ambrosio
- D'Amico ("una colomba che agiatamente si posa sopra una fascia")
- d'Errico
- de Capua
- Fiorillo
- Giordano
- Graefer
- Pallozzi
- Piazza
- Ruffo
- Scarigni
- Sicilia ("un tronco d'albero con tre rami in foglie e tre stelle")
- Sifola Barone di Pietrapertosa ("di rosso con tre teste di leone recise e sanguinolenti poste due a uno, la bordura d’oro e d’argento")

Fonte: "Caserta - I casali storici 3", Paparo Edizioni, 2003, pp. 39-49

Feudo nel '400 dei Conti Della Ratta ("d'argento al leone rosso coronato d'oro, tenente con la zampa destra un crescente montante d'oro, col lambello azzurro di tre pendenti caricati ognuno da tre gigli di oro, attraversante sul tutto") passò ai Principi Acquaviva ("un leone rampante azzurro armato e linguato di rosso in campo d’oro"), e nel 1635, per matrimonio, a Don Francesco Gaetani Duca di Sermoneta ("inquartato: nel 1° e 4° d’oro, alla gemella ondata d’azzurro, posta in banda; nel 2° e 3° d’azzurro, all’aquila spiegata d’argento, coronata dello stesso").
"Venne anche preso lo stendardo da battaglia (guðfani), che chiamavano "Corvo"."
Avatar utente
Delehaye
 
Messaggi: 2043
Iscritto il: martedì 28 febbraio 2012, 1:42
Località: Napoli

Re: Identificazione stemma a Casola/Casertavecchia

Messaggioda araldo73 » lunedì 12 marzo 2012, 17:46

Mi scusi Delehaye,
ma nello specifico si parla di Casola sull'altopiano e non di Casolla. Sono due casali diversi!
La ringrazio comunque per l'intervento.
araldo73
 
Messaggi: 8
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2012, 19:53


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], T.G.Cravarezza e 1 ospite