Stemma Scipione Rebiba

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, fra' Eusanio da Ocre, Antonio Pompili

Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Lasa pur dir » mercoledì 1 aprile 2009, 23:36

Gentili forumisti,
mi sembra di ricordare che in passato qualcuno mi avesse chiesto notizie sullo stemma di Mons. Scipione Rebiba (1504 - 1577), vescovo ausiliare di Chieti poi Cardinale, ma purtroppo non ricordo chi.
Avrei delle notizie.

Sempre cordialmente.

Domenico Maria d. B.
"Gridaro tucti insieme la città facciamo bella che nulla nello regame non se apparecchie ad ella" - Buccio di Ranallo.

Nescire quid ante quam natus sis acciderit, id est semper esse puerum (Cicerone)

QVOD NON EST IN ACTIS NON EST IN MVNDO
Avatar utente
Lasa pur dir
 
Messaggi: 370
Iscritto il: domenica 23 aprile 2006, 17:52
Località: Lanciano (Ch)

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda San Marco » mercoledì 1 aprile 2009, 23:55

Immagine
Stemma del Cardinale Scipione Rebiba.
Arma: D'azzurro a due spighe decussate d'oro
PAX TIBI
TIBI ALTER ERO
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1826
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Zaccheo » giovedì 2 aprile 2009, 0:16

Lasa pur dir ha scritto:mi sembra di ricordare che in passato qualcuno mi avesse chiesto notizie sullo stemma di Mons. Scipione Rebiba (1504 - 1577), vescovo ausiliare di Chieti poi Cardinale, ma purtroppo non ricordo chi.
Avrei delle notizie.

Caro Domenico Maria,
non ho mai chiesto esplicite informazioni araldiche sul vescovo e cardinale Scipione Rebiba. Sarei, tuttavia, molto interessato a conoscerne lo stemma poichè quello lapideo scolpito sul suo sepolcro terragno ubicato nella chiesa romana di San Silvestro al Quirinale è piuttosto usurato e poco leggibile.

Saluti e grazie! [thumb_yello.gif]

Ferrante M.L.
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2161
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Antonio Pompili » giovedì 2 aprile 2009, 0:41

Bene, caro Domenico Maria!
Aspettiamo con gioiosa curiosità di sapere quanto hai scoperto del Prelato al quale, almeno per il momento, si riconducono e si fermano con certezza le ricostruzioni delle linee della successione apostolica.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Moderatore Forum Araldica e Bibliografia
 
Messaggi: 3273
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Lasa pur dir » giovedì 2 aprile 2009, 1:05

Sono solo riuscito a fotografare lo stemma del suo congiunto Giovan Domenico Rebiba, vescovo di Ortona, poi arcivescovo di Catania, risalente al 1589, quindi in anni di poco posteriori alla morte del Cardinale, che mostra lo stesso stemma a lui attribuito sormontato dalla mitria.

Immagine

Immagine

Mi sembrava di ricordare che qualcuno avesse avuto difficoltà nel reperire questo stemma.
Forse mi sbagliavo.

Sempre cordialmente.

Domenico Maria d. B.
"Gridaro tucti insieme la città facciamo bella che nulla nello regame non se apparecchie ad ella" - Buccio di Ranallo.

Nescire quid ante quam natus sis acciderit, id est semper esse puerum (Cicerone)

QVOD NON EST IN ACTIS NON EST IN MVNDO
Avatar utente
Lasa pur dir
 
Messaggi: 370
Iscritto il: domenica 23 aprile 2006, 17:52
Località: Lanciano (Ch)

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Guido5 » giovedì 2 aprile 2009, 1:13

Caro Domenico Maria,
a chiedere anche a te di Scipione Rebiba, ma non tanto dello stemma quanto della sua consacrazione episcopale (1541), e proprio per i motivi indicati da don Antonio, dovrei essere stato io. Nella "successione apostolica" Rebiba è infatti il capostipite praticamente della totalità dell'episcopato cattolico attuale e, di conseguenza del clero, ma finora è stato impossibile trovare qualsiasi documento che confermi o smentisca l'ipotesi che a conferirgli l'episcopato sia stato Gian Pietro Carafa, arcivescovo di Chieti e futuro papa Paolo IV. Giovan Domenico era suo nipote, figlio di un fratello.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 4776
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda San Marco » giovedì 2 aprile 2009, 7:00

Nel 1541 - Scipione Rebiba fu Vescovo titolare di Amicle e Ausiliare di Chieti.

Fonte:Portale per Ortona a Mare Chieti
PAX TIBI
TIBI ALTER ERO
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1826
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Zaccheo » giovedì 2 aprile 2009, 7:24

Guido5 ha scritto:Nella "successione apostolica" Rebiba è infatti il capostipite praticamente della totalità dell'episcopato cattolico attuale e, di conseguenza del clero, ma finora è stato impossibile trovare qualsiasi documento che confermi o smentisca l'ipotesi che a conferirgli l'episcopato sia stato Gian Pietro Carafa, arcivescovo di Chieti e futuro papa Paolo IV.

Scusandomi in anticipo per l'off-topic, desidero chiedere all'esperto Guido se esistano ricostruzioni (seppure frammentarie e parziali) della menzionata genealogia episcopale antecedenti a Scipione Rebiba.

Buona giornata a tutti!

Ferrante M.L.
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2161
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Guido5 » giovedì 2 aprile 2009, 12:06

Caro Ferrante,
sì, il discorso non è granché araldico ma - se ben ricordo - anche di Gian Pietro Carafa, arcivescovo di Chieti e futuro papa Paolo IV, non si sa nulla circa l'ordinazione episcopale: se ricostruzioni esistono sono quindi di fantasia. Del siciliano Scipione Rebiba (è nato a San Marco d'Alunzio, in diocesi di Patti) non c'è neppure un ritratto. Su una sua recente biografia, ottimo lavoro di don Basilio Rinaudo e don Salvatore Miracola, è riprodotto questo stemma:
Immagine
dove sono indicati anche gli smalti: C = caeruleus (che va dall'azzurro al blu scuro) e A = aureus, d'oro.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 4776
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Lasa pur dir » giovedì 2 aprile 2009, 12:25

Gentilissimo Guido5,
ma sbaglio o quelle che vedo sono spigghe di grano e non rami di palma?

Effettivamente la blasonatura, riportata da San Marco, dice spighe di grano ma mi sembra che nello stemma da me pubblicato e in un altro a me noto si vedano proprio dei rami di palma.

Che oltre alla mia memoria anche la vista cominci a farmi scherzi?

Sempre cordialmente.

Domenico Maria d. B.
"Gridaro tucti insieme la città facciamo bella che nulla nello regame non se apparecchie ad ella" - Buccio di Ranallo.

Nescire quid ante quam natus sis acciderit, id est semper esse puerum (Cicerone)

QVOD NON EST IN ACTIS NON EST IN MVNDO
Avatar utente
Lasa pur dir
 
Messaggi: 370
Iscritto il: domenica 23 aprile 2006, 17:52
Località: Lanciano (Ch)

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda San Marco » giovedì 2 aprile 2009, 12:38

Lo Scorza parla di spighe, ma naturalmente tutto è possibile.
PAX TIBI
TIBI ALTER ERO
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1826
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda San Marco » giovedì 2 aprile 2009, 13:16

Dopo la restituzione della diocesi a Ortona(1570) Giovan Domenico Rebiba nipote di Scipione è indicato quale primo Vescovo di Ortona ed è presente uno stemma lapideo del 1592 che riprende lo stemma dello zio,
Immagine
PAX TIBI
TIBI ALTER ERO
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1826
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Tilius » giovedì 2 aprile 2009, 13:20

Lasa pur dir ha scritto:Effettivamente la blasonatura, riportata da San Marco, dice spighe di grano ma mi sembra che nello stemma da me pubblicato e in un altro a me noto si vedano proprio dei rami di palma.


Secondo me sono proprio spighe anche nello stemma lapideo (sono solo scolpite un filino rozzamente: ingrandendo l'immagine si vede come, fra fronde di palma e spighe, la somiglianza é molto più forte con le seconde).
Oltretutto, se palma fosse, non si spiegherebbero quelle foglioline supplementari a metà stelo, che invece sono riportate in tutte le raffigurazioni di spighe postate in precedenza.

;)
Immagine
Ultima modifica di Tilius il giovedì 2 aprile 2009, 17:43, modificato 1 volta in totale.
Maurizio Tiglieri

Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9621
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Guido5 » giovedì 2 aprile 2009, 14:43

Cari amici,
"Tilius" è nel giusto: nei manufatti lapidei le spighe di grano sono raffigurate senza reste. Le foglie delle palme (che solo raramente sono ramificate) non hanno piccioli tanto lunghi e partizioni della lamina così corte e arrotondate in punta.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 4776
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Stemma Scipione Rebiba

Messaggioda Lasa pur dir » giovedì 2 aprile 2009, 15:26

[sorry.gif]
Avete ragione!

Ecco l'altro esemplare noto della stemma sul fonte battesimale della chiesa di S. Zefferino di Caldari.
Immagine

Questi sono certamente steli di grano.

Sempre cordialmente.

Domenico Maria d. B.
"Gridaro tucti insieme la città facciamo bella che nulla nello regame non se apparecchie ad ella" - Buccio di Ranallo.

Nescire quid ante quam natus sis acciderit, id est semper esse puerum (Cicerone)

QVOD NON EST IN ACTIS NON EST IN MVNDO
Avatar utente
Lasa pur dir
 
Messaggi: 370
Iscritto il: domenica 23 aprile 2006, 17:52
Località: Lanciano (Ch)

Prossimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti