Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda gabriele d'annunzio » venerdì 17 luglio 2009, 22:56

Cari amici e colleghi


Ho bisogno di ricevere copia di alcune voci, contenute nelle Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. Di Crollalanza

Possibilmente,e in considerazione della ampiezza della voci che mi interessano, sarei interessato a ricevere qualche scansione informatica, di quest'opera

Chiedo gentilmente a qualche gentile utente del forum, che è in possesso di questo volume, di mettersi in contatto con me , anche tramite messaggio privato

Fornirò in seguito il mio indirizzo di posta elettronica, dove inviare ,possibilmente , le scansioni.


Grazie della disponibilità
Avatar utente
gabriele d'annunzio
 
Messaggi: 214
Iscritto il: sabato 12 luglio 2003, 19:24
Località: Napoli

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » domenica 2 agosto 2009, 18:42

Salve, anche io mi associo alla richiesta dell'utente d'Annunzio, qualcuno dispone dell'opera richiesta? Grazie in anticipo.
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda San Marco » martedì 4 agosto 2009, 23:12

Credo che parecchi di noi siano forniti del tomo richiesto, ma......
Compatibilmente con il poco tempo che ora dedico a questo splendido mondo di conoscenza, essendo presente naturalmente nella piccola biblioteca di famiglia la " Enciclopedia Araldico-Cavalleresca " di Goffredo di Crollalanza, spero di poter essere di aiuto.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » mercoledì 5 agosto 2009, 0:37

Gentile San Marco, non sia modesto, il Suo archivio e la Sua biblioteca araldica sono tutt'altro che piccoli. Comunque vorrei sapere se nell'Enciclopedia del Crollalanza si parla dei Maffei di Solofra e degli Onorati. Grazie e a presto.
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda San Marco » martedì 11 agosto 2009, 21:08

Gentile gabriele credo che più della " Enciclopedia Araldico Cavalleresca " lei abbia bisogno del " Dizionario Storico Blasonico della famiglie nobili e notabili italiane " per trovare quello che le interessa.
Il dizionario, in tre volumi, potrò consultarlo e quindi esserle di aiuto però solamente al ritorno dalle vacanze.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda Antonio De Battisti » mercoledì 12 agosto 2009, 18:18

Gentile Pasquale M. M. Onorati,
il Dizionario storico-blasonico di G.B. di Crollalanza non menziona alcuna stirpe MAFFEI di Solofra, bensì di Firenze, Roma, Verona, Vicenza e Volterra.

Onoradi , o Onorai , od Onorati di Venezia
Antichissima patrizia famiglia veneta, originaria di Altino, ed estinta nel 1544.
Arma : D'argento, a tre gigli di rosso.

Onorati di Jesi (Marche)
Fregiati del titolo marchionale.
Arma : D'argento, a tre fasce ondate d'azzurro ; col capo dello stesso, sostenuto da una divisa d'oro e caricato da un giglio dello stesso fra due stelle pur d'oro.

Onorati di Roma
Arma : D'argento, ad un albero sradicato di verde.

Cordialmente
ADBdT
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda San Marco » mercoledì 12 agosto 2009, 21:12

Per quanto riguarda i Maffei di Solofra interessante il sito che ben lei credo conosca: http://www.solofrastorica.it/maffeifamiglia.htm in cui il Crollalanza riporta come provenienti da Verona quale ramo di Volterra. Tale supposizione viene confermata anche dalla Scorza nella sua Enciclopedia Araldica Italiana.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » venerdì 14 agosto 2009, 23:44

Antonio De Battisti ha scritto:Gentile Pasquale M. M. Onorati,
il Dizionario storico-blasonico di G.B. di Crollalanza non menziona alcuna stirpe MAFFEI di Solofra, bensì di Firenze, Roma, Verona, Vicenza e Volterra...


Gentilissimo Antonio De Battisti,
grazie della segnalazione anche se posseggo già quest'opera, dove si parla, inoltre, degli Honorati di Firenze e degli Honorati del Trentino.
Buonanotte.
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » venerdì 14 agosto 2009, 23:50

San Marco ha scritto:Per quanto riguarda i Maffei di Solofra interessante il sito che ben lei credo conosca: http://www.solofrastorica.it/maffeifamiglia.htm in cui il Crollalanza riporta come provenienti da Verona quale ramo di Volterra. Tale supposizione viene confermata anche dalla Scorza nella sua Enciclopedia Araldica Italiana.


Gentile San Marco, si lo conoscevo già, ma grazie comunque della segnalazione. In effetti, poichè non è specificata la fonte esatta e visto che posseggo i 3 volumi del Crollalanza sulle famiglie nobili, dove non si parla dei Maffei di Solofra, ho pensato che la citazione fosse nell'Enciclopedia Araldico Cavalleresca; ora, invece, ho trovato qualche indizio in più in questa pagina legata a quella da Lei postata: http://www.solofrastorica.it/demaiomaffei.htm. La fonte dovrebbe essere: "G. CROLLALANZA, Famiglie nobili, Pisa. 1878, p. 150". Sa di cosa si tratta? Grazie.
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda AndreaSperelli » domenica 24 gennaio 2010, 23:10

Gentili Amici,

sapreste dirmi fondamentalmente quali sono le differenze tra l'Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di Crollalanza e il Dizionario Araldico di Guelfi Camajani ? Posseggo il secondo libro, e sto valutanto se prendere anche il Crollalanza, ma vorrei capire se è presente del valore aggiunto o meno.

Grazie,
A.S.
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 866
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda Antonio Pompili » lunedì 25 gennaio 2010, 18:45

Direi che puoi procedere tranquillamente con l'acquisto, caro Andrea!
Il Dizionario del Guelfi Camajani è uno strumento chiaro e sufficientemente completo. I lemmi del blasone, e i termini inerenti l'arte e gli usi araldici sono spiegati in modo esaustivo, con il corredo di blasoni esemplificativi e di immagini illustrative.
Ma l'Enciclopedia del Crollalanza - meritando il titolo che porta - ha un respiro più ampio. Oltre ad essere un dizionario ha lo spessore di un trattato, grazie al contributo di scienze affini all'araldica, alle abbondanti note circa le opinioni di altri autori, e al grande numero di blasoni riportati.
Le voci sono poi trattate con abbondanza di particolari, anche circa l'evoluzione del loro uso nel tempo e con la citazione dei termini corrispondenti in altre lingue.
Certamente si tratta di un'opera per alcuni versi (soprattutto a livello di impostazione metodologica) abbondantemente superata.
Ma resta un'opera essenziale per ogni studioso di Araldica del nostro Paese.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3628
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda Carfi » lunedì 25 gennaio 2010, 19:42

Antonio Pompili ha scritto:Direi che puoi procedere tranquillamente con l'acquisto, caro Andrea!
Il Dizionario del Guelfi Camajani è uno strumento chiaro e sufficientemente completo. I lemmi del blasone, e i termini inerenti l'arte e gli usi araldici sono spiegati in modo esaustivo, con il corredo di blasoni esemplificativi e di immagini illustrative.
Ma l'Enciclopedia del Crollalanza - meritando il titolo che porta - ha un respiro più ampio. Oltre ad essere un dizionario ha lo spessore di un trattato, grazie al contributo di scienze affini all'araldica, alle abbondanti note circa le opinioni di altri autori, e al grande numero di blasoni riportati.
Le voci sono poi trattate con abbondanza di particolari, anche circa l'evoluzione del loro uso nel tempo e con la citazione dei termini corrispondenti in altre lingue.
Certamente si tratta di un'opera per alcuni versi (soprattutto a livello di impostazione metodologica) abbondantemente superata.
Ma resta un'opera essenziale per ogni studioso di Araldica del nostro Paese.


gentilissimo don Antonio,
quale dovrebbe essere a Suo parere, l'impostazione metodologica per un dizionario-trattato-enciclopedia-annuario-libro doro o d'argento che dir si voglia, per una moderna e scientifica opera del genere?
Grazie,
Cristo Regni.

Giuseppe Carfì di Serra Rovetto Boscopiano
“Per Aspera Ardua”
“Quando arrivi in Vetta ad un Monte, non fermarti, continua a salire”
Avatar utente
Carfi
 
Messaggi: 590
Iscritto il: venerdì 24 marzo 2006, 23:16

Re: Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda Antonio Pompili » lunedì 25 gennaio 2010, 22:55

Carfi ha scritto:gentilissimo don Antonio,
quale dovrebbe essere a Suo parere, l'impostazione metodologica per un dizionario-trattato-enciclopedia-annuario-libro doro o d'argento che dir si voglia, per una moderna e scientifica opera del genere?

Non mi sono soffermato in esplicitazioni del mio pensiero, perchè consideravo sottinteso - ma questa domanda opportunamente svela (e ne sono grato!) che non dovevo darlo per scontato - il fatto che l'impostazione metodologica necessaria per un qualsiasi trattato o studio specialistico, debba essere una metodologia scientifica (oggi più che nel passato, chiaramente). Cioè un lavoro, per essere impostato correttamente e risultare pienamente fruttuoso, deve basarsi non solamente su una raccolta di informazioni (e in questo il lavoro del Crollalanza era e resta di tutto rispetto), ma essere il risultato di una ricerca che, partendo da dati oggettivi e principi, sviluppi logicamente proposizioni consistenti alla luce della logica e con un linguaggio proprio, fino a costituire l'intero apparato della disciplina.
Il Crollalanza (ma ricordiamo che stiamo parlando di un autore notevolissimo di un secolo fa!) pur fornendo una miniera di informazioni, talora lo fa in modo acritico, per cui accanto a preziose documentazioni storiche, o a precise descrizioni e solide definizioni, cade ancora (sulla scia degli autori che lo precedettero) in interpretazioni simboliche o presunte tali che lasciano il tempo che trovano e che, se riportate, andrebbero sottolineate nel loro valore di semplici curiosità storiche. Ancora, il Crollalanza (e anche in questo l'autore si mostra giustamente figlio del suo tempo) si sofferma in alcuni passaggi su forme verbose o ridondanti, mentre la presentazione in modo completo ma allo stesso tempo sintetico e chiaro, quindi efficace, della materia che ci si aspetterebbe oggi da un trattato/enciclopedia, richiderebbe un linguaggio più diretto, talora essenziale.
Ecco. Solo un paio di note, per indicare che un trattato, o anche un dizionario, scritto oggi, oltre a presentare l'oggetto della materia, i suoi usi e il suo vocabolario, dovrebbe necessariamente chiarire - mediante il rigore stesso della propria esposizione - il modo di studiarla con approccio scientifico e lineare.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3628
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: ENCICLOPEDIA ARALDICO CAVALLERESCA DI G.DI CROLLALANZA

Messaggioda equites » lunedì 25 gennaio 2010, 23:05

San Marco ha scritto:Per quanto riguarda i Maffei di Solofra interessante il sito che ben lei credo conosca: http://www.solofrastorica.it/maffeifamiglia.htm in cui il Crollalanza riporta come provenienti da Verona quale ramo di Volterra. Tale supposizione viene confermata anche dalla Scorza nella sua Enciclopedia Araldica Italiana.


Mi inserisco in questa discusisone per chiedere se nelle opere citate si faccia cenno ad uno o più esponenti dellla (delle?) famiglie Maffei presenti in Deliceto (FG) a cavallo tra il XIX ed i primi decenni del XX secolo.
"...e per rincalzo il cuore"
equites
 
Messaggi: 826
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 22:17
Località: Taranto

Re: Enciclopedia Araldico-Cavalleresca di G. di Crollalanza

Messaggioda Carfi » lunedì 25 gennaio 2010, 23:51

Antonio Pompili ha scritto:... ma questa domanda opportunamente svela (e ne sono grato!)

Grazie per i suoi cortesi chiarimenti.
cordialità

Giuseppe Carfì di Serra Rovetto Boscopiano
“Per Aspera Ardua”
“Quando arrivi in Vetta ad un Monte, non fermarti, continua a salire”
Avatar utente
Carfi
 
Messaggi: 590
Iscritto il: venerdì 24 marzo 2006, 23:16


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite