Pagina 1 di 1

cognomizzazione di predicato

MessaggioInviato: martedì 2 dicembre 2003, 21:18
da guido
Quali sono, attualmente, le strade per tentare la cognomizzazione di un predicato? Grazie,
Guido

cognomizzazione di predicato

MessaggioInviato: venerdì 5 dicembre 2003, 21:22
da guido
Di norma per cognomizzare il predicato (procedura ammissibile ogni qual volta ricorrano i presupposti dell’esistenza del titolo e del predicato anteriormente al 1922, comprovato con decreto di concessione o riconoscimento intervenuto durante il Regno d’Italia) è necessario un procedimento ordinario innanzi al tribunale in contraddittorio con l'Ufficio Araldico presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Alcuni consigliano di tentare la strada dell’aggiunta del cognome (nel caso di aggiunta di predicato va provato l’uso dello stesso per il passato); come dispone la nuova normativa in materia (D.P.R. 396/2000) competente a ricevere l’istanza è il Ministero dell’Interno per il tramite del Prefetto.
Personalmente, però, considero la prima strada quella più qualificante. Infatti perché la richiesta possa essere accettata occorre provare che il predicato venisse usato prima della data del 28/10/1922 e che fosse legato ad un titolo legittimamente posseduto. Questa è una prova che non tutti possono dare ed è proprio tale particolare che, a mio parere, conferisce pregio al predicato cognomizzato. L’aggiunta di cognome può essere chiesta con più facilità e, comunque, vale solo per la persona che la richiede e da lui ai suoi discendenti.



La ringrazio per l'esauriente risposta. Tuttavia, mi chiedevo se c'è la possibilità di cognomizzare un predicato relativo ad una concessione successiva al 28 ottobre 1922. Grazie per l'eventuale risposta,
Guido