CARTA: centro-nord Sardegna

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: GENS VALERIA, Messanensis, Alessio Bruno Bedini

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leocarta » giovedì 3 maggio 2012, 11:07

Scrivevamo nel lontano 2010

Ipotesi di signif. araldico stemma Satta
da Destavara » lunedì 27 settembre 2010, 22:36
Scrive Leocarta "Una donna che cavalca un cervo e che tiene frecce in mano rappresenta Diana cacciatrice ed è lo stemma delle famiglie Satta (saetta > satta)".

Ringrazio leocarta per i suoi interventi nel topic Carta, e ancor di più per avervi fatto riferimeno, in uno dei suoi ultimi post, allo stemma dei Satta, di cui propone questo significato appena citato.

Mi pacerebbe, se possibile, sapere l'eventuale fonte di questa interpretazione araldica, grazie.

Destavara

Re: CARTA: centro-nord Sardegna
Ciao a tutti, e scusate il mio ritardo nello scrivere ma affogo negli impegni.
Grazie Salvennor per avermi segnalato la domanda che Destavara mi ha posto non su questo post dei Carta. Non riesco a trovare il tempo di leggere questo post con attenzione, mai mi sarei potuto accorgere di qualcosa indirizzatami in un altro luogo.

Per Destavara grazie per ciò che scrivi chè è sempre un accrescimento.
Per quanto riguarda l'interpretazione dello stemma della famiglia Satta (saetta), non è farina del mio sacco. Ho cercato la fonte da cui ho preso la notizia, ma in questi giorni non sono riuscito a ritrovarla. Ti invierò la risposta appena la ritrovo. Verificheremo insieme la sua attendibilità.
da leocarta
mercoledì 6 ottobre 2010, 15:05


Con quasi due anni di ritardo rispondo parzialmente alla domanda di Destavara indicandogli questi link
http://www.bibliotechelogudoro.it/rivis ... rticolo=52
dove viene scritto :
Nello stemma si distingue un cavaliere a dorso di un cervo, tenente con la destra le corna dell’animale e con la sinistra un dardo, sotto un sole raggiante. Un chiaro rimando all’etimologia del cognome si coglie nel filo della lama della stessa freccia (“s’atta” in lingua sarda).

Ciao a tutti
leocarta
 
Messaggi: 39
Iscritto il: venerdì 20 agosto 2010, 10:08

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Destavara » giovedì 3 maggio 2012, 13:41

Leocarta:
:D Grazie comunque per esserti interessato alla questione del blasone Satta :D
Saluto tutti, D.
Destavara
 
Messaggi: 432
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 20:57

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » martedì 15 maggio 2012, 17:52

Salve
Per Lidia
Grazie delle informazioni che ai postato.Causa impegni di lavoro le mie ricerche vanno a rilento.IL TABELLIONE era il registro delle tape di insinuazione dove i Notai depositavano il sigillo e la firma,accompagnati dalla formula iniziale degli atti.E' stato istituito nel 1738.Purtroppo sono incompleti in quanto mancano i sigilli e le firme dei notai a quella data deceduti,ma che troviamo negli originali dei rogiti recuperati.
Tieni presente che detti sigilli erano parlanti o alludenti,talvolta con le iniziali o dei simboli specifici:Di norma chi possedeva uno stemma araldico lo riproduceva nel proprio sigillo.Quasi sicuramente,quel notaio di origini Ardaulesi era un Carta Nobile.Sarei interessato a conoscere il luogo ed il perido in cui esercitava.Ma forse chiedo troppo.Ecco qualche sigillo con stemma araldico:Notaio Puliga,una folaga (in sardo puliga); Notaio Puligheddu,idem.Notaio Pirellas - un pero sradicato con due leoni affrantati-stemma della famiglia.Interessanti i sigilli dei notai Gesuiti i quali dal 1540,data della loro fondazione,fino al 1615 utilizzavano il vecchio stemma-croce Gesuitica con sotto una C affrontata
da una stella per parte e la scitta Sigilli Proposit Societatis Iesu,in seguito,con il nuovo stemma,viene sostituita la C con tre chiodi o uno o due cuori trafitti.Reputo interessanti le tue origini notarili,non sei la sola,7 su 9 dei miei ascendenti diretti avevano sposato figlie di notai,nobili e non.
Saluti a tutti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » martedì 15 maggio 2012, 19:02

Per Vincenzo
Grazie per le tue precisazioni e per la correzione tabellione / sigillo.
Il notaio da me citato con tale sigillo raffigurante un leone rampante si chiamava Leonardo Carta ed insieme con suo fratello Juan Santus ( scrivano mi pare ), nati ad Ardauli, esercitavano a Busachi alla fine del 1700 ( potrei essere anche più precisa con date di nascita e riferimenti d'archivio, ma in questo momento non ho tempo per ricercare fra i miei appunti). Erano entrambi discendenti di Juan Santus Carta, il capostipite anche del mio ramo, già notaio intorrno al 1650....questo mi stupisce sempre tanto trattandosi di un piccolo villaggio dell'interno e non so ancora ben spiegarmelo , ma a noi non é mai giunto sentore di nobiltà.....Sono Carta anche da parte materna ( Ghilarza) ed anche lì le origini nella seconda metà del 1600 ci riportano al mestiere di notaio e scrivano.
Ciò che trovo ancora più interessante per te che parli di questo stemma del Leone per la tua famiglia, é certamente lo stemma della casa Carta di Sorradile; di certo so che l'antenato Cavaliere ( Elia Carta)degli attuali discendenti trasferiti ormai da molti anni a Cagliari, proveniva da Sedilo ( tra Sedilo e Aidomaggiore c'é sempre stato un grande travaso d'imparentamenti). Perciò penso che potrebbe trattarsi di qualche ramo collaterale ai Carta Salaris di cui tu hai già detto.I Carta di Sorradile sono curiosi di sapere ma per parte loro non hanno mai fatto ricerche. I Carta di Sedilo continuano ad essere famiglie importanti, ma non so se si tratta della medesima discendenza.
Un saluto

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 140
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » domenica 20 maggio 2012, 22:17

Grazie a tutti per le ulteriori notizie.
Per Lidia Carta: Questi post più recenti mi hanno fatto ricordare ciò che mi avevi detto privatamente tempo fa. E cioè la questione della lapide funeraria di un tuo nonno (o bisnonno, non ricordo bene ora) recante la scritta "Cavaliere". Se puoi cerca di rintracciare e fotografare quel collare e insegna che avevi nominato. Così magari può essere postata nel topic, e ci sarebbero più probabilità di capire meglio o definitivamente tale fatto, se qualcuno visiona la foto.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 968
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » lunedì 21 maggio 2012, 19:14

Salve
In data del 15-8-1823 a Siniscola risulta il decesso di Vincenzo Carta (mio omonimo,pace all'anima sua) di Ghilarza con la qualifica di Preposto in carica.
Tapa di Oliena Ville:Orosei 7-12-1773 - Poderes Juarados e firmados de esta Villa a favor del Muj ILL.mo Segnor Don Fernando Nin Conte di Castillo en la Ciudad de Caller:Don Jan Battista Carta,el Cavallero Jan Battista Julian,Don Ignazio Minutili,Don Josef Pinna,Don Antonio De Jua y Don Felix Cardia,todos residentes en la P.e Villa.
Il 18-21781 da una carta della Mitra del Vescovo di Galtelli' risulta che Don Falix Cardia e la sorella Donna Monserrata Guiso (sic) sono compatroni della Capella della Vergine Assunta e della Capella di S.Antonio di Padova,unitamente ai Nobili Carta,Pinna e Guiso. In seguto posterò intrecci matrimoniali fra i Cardia,Espanu-Carta e Lochi di Orosei e Tortoli'.
Saluti a tutti
a presto Vincenzo.
vincenzo carta
 
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leone passante » martedì 22 maggio 2012, 12:33

per Vincenzo Carta

Sapevo che il mio ascendente diretto don Antonio Cardia Selis di Tortolì aveva avuto da donna Teresa Pinna di Orosei un figlio di nome Felice ma credevo che lo stesso fosse morto bambino perché a Tortolì non se ne trova traccia: invece il silenzo era evidentemente dovuto al fatto che era rimasto in Orosei, patria della madre.
Quanto alla Monserrata Cardia, sorella di Felice, in verità non era maritata Guiso ma Locci-Guiso, avendo sposato nel 1768 don Francesco Locci Guiso di Tortolì, dal quale pure discendo in linea retta. Anch'egli aveva origini baroniensi per parte della madre, donna Benetta Guiso Minutili.
Ti ringrazio anticipatamente per quanto pubblicherai su tali intrecci matrimoniali tra nobili oroseini e tortoliesi.
Ultima modifica di leone passante il giovedì 24 maggio 2012, 12:01, modificato 1 volta in totale.
leone passante
 
Messaggi: 282
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 1:19

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » martedì 22 maggio 2012, 16:00

Salve
Tapa di Oliena ville - Orosei
8-10-1773 Don Juan Maria Espanu e la moglie Donna Anna Carta nel loro testamento nominano esecutori dei loro beni il figlio maggiore Don Antonio Espanu e il genero Don Juan Cardia di Tortoli ,marito della figlia Donna Jacoba Espanu.Vogliono che le figlie minori abbiano in dote 450 escudos ciascuna,cosi' come li ha avuti Donna Jacoba al tempo del suo matrimonio.Vogliono che gli altri beni siano divisi in parti uguali fra fratelli e sorelle (Don Antonio,Don Juan,Don Josef,Donna Jacoba,Donna Juana e Donna Maria Ignazia).
Don Juan Maria Espanu è fratello del Rev.do Don Jaime Espanu Gajani,Rettore di Baunei.Donna Anna Carta è figlia di Don Juan Battista Carta di Tempio del fu Don Filippo di Bolotana (miei ascendenti diretti) e di Donna Maria Marta Mulas Loque Pischedda Pirella di Orosei.'
Il 17-7-1774 La Nobile Donna Monserrata Cardia,moglie di Don Francesco Locci di Tortoli',delega il proprio marito per la vendita dei beni che possiede assieme al fratello Don Felix,nelle ville di Orosei e Galtelli',ereditati dalla madre Donna Maria Teresa Pinna.Ho copia del documento.
Saluti a tutti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » mercoledì 23 maggio 2012, 23:30

Per Vincenzo Carta: Grazie per tutte queste nuove notizie. Quello citato è il terzo o quarto Vincenzo Carta che, in base alle ricerche attuali, ha legami con Ghilarza.
Mi chiedo il significato della qualifica di "preposto in carica". Dal web scaturiscono molti significati non sempre simili. Si và dall'operaio (tipo quelli citati in relazione all'Opera del Duomo di Firenze per il 1400), al responsabile di grandi opere, al responsabile di uffici anche pubblici, fino a cariche ecclesiastiche.
A proposito del cognome Salaris, ho trovato un documento aragonese dove viene citato un Salari ( senza la S finale) vissuto nel 400 nella zona compresa tra Bosa e il Marghine orientale, il quale ricopriva una carica. Nei prossimi giorni lo posto. Inoltre ho trovato un riferimento ad un sacerdote Carta di Benetutti, preso come uno degli esempi delle condizioni di povertà in cui versava parte del clero sardo a metà 800. Infatti per vivere si ridusse a fare lavori manuali (mi pare il muratore).
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 968
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leone passante » giovedì 24 maggio 2012, 11:59

Confermo che le prime attestazioni del cognome Salaris rimandano alla Planargia ed alle regioni contermini, Monteleone e Marghine.
Credo che la più antica sia quella di un Arsoci Salari di Bosa, pubblico notaio, del 1388 (Pax Sardiniae).
leone passante
 
Messaggi: 282
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 1:19

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » martedì 29 maggio 2012, 22:57

Per Vincenzo

scusate il mio silenzio , ma mi trovo fuori dall' Italia già da qualche tempo e dunque anche lontana dalle mie solite abitudini e scartoffie.... Volevo precisare che un mio antenato vissuto nei primi decenni del 1700 a Ghilarza si chiamava appunto Vincente Maria Carta ( escrivente ) e questo nome ho trovato anche in altri rami che sembrerebbero imparentati col mio e come secondo nome compare anche ad Aidomaggiore tra i Cav. Carta. Dunque non mi stupisce che ancora nel 1800 tu registri questo nome come di persona proveniente da Ghilarza.

Per Salvennor

si , ti avevo detto della lapide del mio nonno Ghilarzese , dove risulta cav. Battistino Carta, ma ho trovato anche la documentazione relativa ai suoi meriti acquisiti come segretario comunale , forse l'unico in zona a quei tempi ad essere dotato di un diploma specifico ottenuto dopo un regolare corso di studi a Sassari alla fine del 1800. Non so ancora quando potrò' eventualmente farti avere documentazione che ho reperito relativamente a questa specifica faccenda che per un periodo mi ha coinvolta dal momento che sapevo molto poco di lui e del suo lavoro a ghilarza in un periodo ( prima metà del 1900) in cui perfino i locali comunali erano in uno stato pietoso ed era problematico anche tenere in ordine un ufficio....

Ringrazio tutti per le ultime interessanti informazioni e mi riservo di chiedere precisazioni a Vincenzo circa il sigillo gesuitico con i tre chiodi per via di una casa di Bosa che presenta
appunto questo simbolo sopra lo stipite di una porta; Saluti
Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 140
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » giovedì 31 maggio 2012, 8:21

Salve
Per Leonepassante
Tapa di Oliena Ville - Orosei
In data del 22.1.1777 Donna Catalina Gaja,relitta del Quomdam Don Antonio Diego Cardia,curatrice assieme a Don Francesco Locci,dei beni dei figli minori,Don Perico e Don Juan Battista Cardia Gaja,vende alcuni terreni di loro proprietà,a Don Felix Cardia.
Saluti a tutti.
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » giovedì 31 maggio 2012, 15:24

Salve
Per Leone passante
Oggi è il tuo giorno fortunato,sto' rientrando dall'archivio di stato.
Tapa di Oliena Ville-Orosei.
15-3-1746 - contratto di matrimonio fra Don Antonio Diego Cardia di Tortoli',figlio dei nobili coniugi Don Pedro M.a Cardia e Donna Maria Monserrata Selis da una parte e dall'altra Donna Maria Teresa Pinna Satta di Orosei,figlia dei nobili coniugi Don Juan Battista Pinna e Donna Maddalena Satta.L'atto è firmato da Don Juan Battista Pinna e da Don Antonio Diego Cardia.
Testimoni:Don Antonio M.a Cardia,Don Sisinnio Cardia,Juan Battista Carta Solinas,Joseph Floris Satta,Juan Pedro Puliga sacerdote,Carlos Loddo Pirellas sacerdote,Don Thomas Puliga,Ambrosio....... e Don Francisco Fois......
Sono in possesso della copia.
Saluti a tutti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leone passante » mercoledì 6 giugno 2012, 0:23

vincenzo carta ha scritto:Salve
Per Leonepassante
Tapa di Oliena Ville - Orosei
In data del 22.1.1777 Donna Catalina Gaja,relitta del Quomdam Don Antonio Diego Cardia,curatrice assieme a Don Francesco Locci,dei beni dei figli minori,Don Perico e Don Juan Battista Cardia Gaja,vende alcuni terreni di loro proprietà,a Don Felix Cardia.
Saluti a tutti.
Vincenzo


Grazie ancora a Vincenzo Carta per il nuovo prezioso contributo.
Apprendiamo quindi che don Antonio Diego Cardia Selis (mio ascendente diretto di 7° grado) morì certamente a Orosei, dove prese due mogli, in casa Pinna e in casa Gaya, anteriormente al gennaio 1777. Dei figli Perico sarà canonico, Felice morirà senza discendenza, Giovanni Battista è quello che riportò la condanna per aver segregato la figlia.
leone passante
 
Messaggi: 282
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 1:19

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leone passante » mercoledì 6 giugno 2012, 0:31

vincenzo carta ha scritto:Salve
Per Leone passante
Oggi è il tuo giorno fortunato,sto' rientrando dall'archivio di stato.
Tapa di Oliena Ville-Orosei.
15-3-1746 - contratto di matrimonio fra Don Antonio Diego Cardia di Tortoli',figlio dei nobili coniugi Don Pedro M.a Cardia e Donna Maria Monserrata Selis da una parte e dall'altra Donna Maria Teresa Pinna Satta di Orosei,figlia dei nobili coniugi Don Juan Battista Pinna e Donna Maddalena Satta.L'atto è firmato da Don Juan Battista Pinna e da Don Antonio Diego Cardia.
Testimoni:Don Antonio M.a Cardia,Don Sisinnio Cardia,Juan Battista Carta Solinas,Joseph Floris Satta,Juan Pedro Puliga sacerdote,Carlos Loddo Pirellas sacerdote,Don Thomas Puliga,Ambrosio....... e Don Francisco Fois......
Sono in possesso della copia.
Saluti a tutti
Vincenzo


Grazie ancora a Vincenzo per questa chicca. Sappiamo ora che la mia ascendente diretta (in 7° grado) donna Maria Teresa Pinna era Satta per parte di madre.
Insomma anch'io discendo dai nobili Satta di Orosei, ignorandolo fino ad oggi.
leone passante
 
Messaggi: 282
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 1:19

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Google [Bot] e 3 ospiti