Genealogia di Dino Buzzati

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Messaggioda GENS VALERIA » martedì 4 dicembre 2007, 22:31

Suppongo Lei sia Federico di Marin di Ferruccio , Le porgo il benvenuto in questo nostro forum sperando divenga anche il Suo .

Sergio de Mitri , estinto dichiarato .
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5218
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: chiariamo il fatto sui badoer

Messaggioda Cottoneum » mercoledì 5 dicembre 2007, 0:43

fBadoer ha scritto:controlli meglio e vedrà che molti siti parlano di ultima discendente. cmq è da anni che correggo questa frase e molti siti l'hanno cambiata. fu la prima la mondadori e se cerca sui vecchi libri come il deserto dei tartari vedrà che è stato scritto cosi'. molte persone creano leggende sulle proprie discendenze basti pensare a cesare che ha fatto scrivere un poema a virgilio in cui viene visto come discendente di enea di cui filio julo da cui gens julia. un conto era il passato un conto il presente. ultima cosa i badoer non sono nobili di monarchia ma di repubblica (repubblica della serenissima) e ultimissima cosa l'araldica non è stata mai eliminata ma solo il ministero dell'araldica e tutti i diritti relativi ai titoli e anzi una legge che non mi ricordo quale da la possibilità ai coloro che hanno un titolo di inserirlo e di aggiungere pure il luogo di provenienza (unica cosa non ha valore legale).


Mi permetto di correggerla, l'Eneide fu commissionata da Augusto, e in origine doveva essere un "Augusteide", ma Virgilio si rifiutò di fare una lecchinata -spero che i consoci e amici del forum mi perdoneranno quest'uscita- di dimensioni storiche, e preferì esaltare la gens Iulia, e attraverso questa la storia di Roma e le sue tradizioni, il mos maiorum, ma soprattutto la pietas di Enea che doveva contraddistinguere il cittadino romano. Era un'opera politica, che doveva servire a placare l'animo del popolo romano, che si trovava in un'epoca di guerre civili: mentre una volta il cittadino (che era anche soldato) andava in guerra per difendersi, per difendere la propria Patria, o i suoi bisogni; i cives dell'epoca virgiliana si trovavano di fronte a una guerra fratricida, morivano per garantire a un partito (perchè di partiti si trattava) per interessi di singoli. Veniva dunque meno l'essenza storica e culturale del cittadino. Infatti, Enea rappresentava il modello ideale di cittadino, che combatte contro la sorte avversa, contro i suoi sentimenti e le sue incertezze per il bene della civitas: della città cioè, ma anche della civiltà.
Ma basta divagare

Tornando al discorso Buzzati, non mi sembra improbabile che avesse un'antenata Badoer. Tutti abbiamo due genitori, quattro nonni, otto bisnonni, sedici trisavoli, trentadue quartavoli e così via.

Magari si trattava di una leggenda, ma per la legge dei grandi numeri non mi sentirei nemmeno di escluderlo. :wink: :wink:
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda fBadoer » mercoledì 5 dicembre 2007, 1:06

allora punto primo che forse parlo un'altra lingua. a me non importa se era o non era un discendente dei badoer , la mia protesta è su quei siti che danno la mia famiglia per estinta chiaro? puo' essere figlio anche di bush a me non importa.
guardi su google e digiti dino buzzati ultima discendente
un sito a caso
http://www.omniartis.com/personaggio.php?id=28
si legge ultima discendentedella famiglia
in molti siti non risulta più perchè li ho fatti cambiare
non capisco questa protezione verso uno scrittore . io ho scritto a chi aveva commesso una inesattezza. nel mondo moderno la conoscenza è tutto ma apprendere cose sbagliate non mi sembra il caso non trova?
Avatar utente
fBadoer
 
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 1:45

Messaggioda Cottoneum » mercoledì 5 dicembre 2007, 1:16

fBadoer ha scritto:non capisco questa protezione verso uno scrittore . io ho scritto a chi aveva commesso una inesattezza. nel mondo moderno la conoscenza è tutto ma apprendere cose sbagliate non mi sembra il caso non trova?


Nè io capisco tanta avversione verso uno scrittore. Quello che volevo dire è che a priori non mi sento di escludere una simile ascendenza, come non mi sento di prenderla per garantita senza la visione di documenti.
Probabilmente nella fretta mi son spiegato male.

Sull'avversione verso le imprecisioni mi trova d'accordo con Lei :wink:

Cordialmente
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda Albertopd » venerdì 7 dicembre 2007, 2:05

La discussione si fa sempre più accesa! Caro federico, probabilemente in molti siti scrivono "ultima discendente" per velare di leggendario la figura materna del poeta... Ma non se la prenda,suvvia! La sua esistenza (come Badoer) ci da la riprova che in quei siti si sbagliano! :wink:
Se non ricordo male, esisteva a padova una professoressa di matematica che faceva Badoer di cognome. Mi sbaglio? non c'entra nulla con la sua famiglia?
cordiali saluti
Alberto P.
virtus duce, fortuna comite
Avatar utente
Albertopd
 
Messaggi: 65
Iscritto il: domenica 30 settembre 2007, 15:20
Località: Padova

Messaggioda fBadoer » venerdì 7 dicembre 2007, 18:13

[quote="Albertopd"] La discussione si fa sempre più accesa! Caro federico, probabilemente in molti siti scrivono "ultima discendente" per velare di leggendario la figura materna del poeta... Ma non se la prenda,suvvia! La sua esistenza (come Badoer) ci da la riprova che in quei siti si sbagliano! :wink:
Se non ricordo male, esisteva a padova una professoressa di matematica che faceva Badoer di cognome. Mi sbaglio? non c'entra nulla con la sua famiglia?
cordiali saluti
Alberto P. [/quote]
mia zia Giovanna intende se alle superiori , annalisa se inferiori.
Avatar utente
fBadoer
 
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 1:45

Messaggioda Albertopd » venerdì 7 dicembre 2007, 21:55

Eh,ricordavo bene allora... Quanto è piccolo il mondo.
Cordiali saluti.
Alberto P.
virtus duce, fortuna comite
Avatar utente
Albertopd
 
Messaggi: 65
Iscritto il: domenica 30 settembre 2007, 15:20
Località: Padova

Messaggioda San Marco » sabato 8 dicembre 2007, 1:01

Solo ora mi sono accorto che si parla della Nobile famiglia veneziana Badoer.
Gentile f.Badoer nel darle anch'io il benvenuto, mi chiedo come mai nel suo Avatar ha inserito una corona (anche se da " prassi regolamentare " ne è vietato l'uso) non corrispondente a quella di Patrizio Veneto?
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Messaggioda fBadoer » sabato 8 dicembre 2007, 11:25

quell'immagine è del finire del 1800 ca dunque in pieno periodo austroungarico (vedi aquila bicipite) ed è stato riconosciuto dal ministero dell'araldica italiana sottofirmato dal re e dal suo primo ministro (mussolini) in realtà il lo stemma normale è lo scudo col leone centrale. per quanto riguardava l'avatar non lo sapevo e ho scaricato la prima foto che avevo sul pc. ma togliere la corona che differenza fa quando l'elmo se non sbaglio ha una inclinazione particolare ?
Avatar utente
fBadoer
 
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 1:45

Messaggioda San Marco » sabato 8 dicembre 2007, 14:55

In effetti lo stemma con il quale la Nobile famiglia Badoer è stata accolta nel Corpo della Nobiltà Italiana con l' aquila bicipite è quello ottocentesco dato che il primitivo è rappresentato solo da quanto caricato in petto.
Oltre a quello bandato di rosso e d'argento esiste anche quello fasciato d'argento e d'azzurro, carico di un leone del primo, lampassato di rosso.


Immagine


Immagine

Rimango comunque scettico del motivo della presenza della corona di Nobile al posto di quella di Patrizio Veneto.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Messaggioda fBadoer » sabato 8 dicembre 2007, 16:25

la corona è stata inserita nel periodo asburgico perchè i badoer furono chiamati come principi di venezia se non erro essendo tra i fondatori della suddetta e di molte opere architettoniche. l'elmo che ora non compare piu' nell'avatar stava ad indicare in effetti principi (l'inclinazione di un elmo indica il grado di nobiltà da re in giu').
come giustamente ha notato la parte importante è il leone che è rimasto tale in tutti gli stemmi. ho letto sopra che i badoer partecipazio sono fatti discendere dal IX secolo. in realtà sono presenti daepoche passate (tralascio i miti e leggende non degne di nota come che un badoer sedesse alla tavola rotonda, ovvio è una leggenda). a quanto ne so i primi erano capi tribu' barbari che si insediarono a parma. poi si trasferirono sempre più nel veneto fino a malomocco. da li decisero con altre famiglie di trasferire la capitale e di creare venezia, luogo più sicuro e meglio gestible. altra notizia che ho letto sopra orso fu veramente beato anche per via della sua legge contro la schiavitu nel territorio di venezia città.
non mi ricordo se la figlia di orso I o II creo' quella che poi si festegga il 25 aprile ossia la festa del boccolo. badoer in effetti è un titolo nobiliare bizzantino.
Avatar utente
fBadoer
 
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 1:45

Messaggioda San Marco » sabato 8 dicembre 2007, 22:06

Gentile F.badoer non mi sembrava che l'elmo che cimava lo scudo fosse posto in terza, nè bordato d'oro e nè " sormontato " da una corona principesca.
Dico mi sembrava perchè non essendo più presente nell'avatar non posso con certezza affermarlo.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

Messaggioda fBadoer » sabato 8 dicembre 2007, 23:29

è scritto nel testo di riconferma del titolo degli anni 30 controfirmato dal re e da mussolini, quindi ne sono certo. l'originale è negli archivi di venezia, io ne ho una copia notarile
Avatar utente
fBadoer
 
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 1:45

Messaggioda GENS VALERIA » domenica 9 dicembre 2007, 0:19

Scusate l'intromissione .......d'altra parte questo è un forum .

Non ho motivo di dubitare di quello che f.Badoer afferma , ma credo che per l'araldica " ufficiale " ( se mai ne esista una ) la corona di conte cimata di corno dogale ( prerogativa per chi abbia avuto Dogi di Venezia nella propria ascendenza , nelle versioni personale e familiare , con elmo ) risulti essere qualcosa di simile . Ma non sono un esperto , che ne pensa San Marco ?
Immagine


Immagine
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5218
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Messaggioda San Marco » domenica 9 dicembre 2007, 1:41

Gentile Gens Valeria come giustamente fatto da lei notare questo è un forum e quindi tutti sono " invitati " a partecipare.
Gli esempi da lei riportati graficamente a mio avviso sono " veritieri ".
Infatti la Consulta Araldica approvò una massima per cui venne ammesso il riconoscimento, alle famiglie del Patriziato Veneto che possono vantare un Doge nella loro ascendenza, del cimiero del corno dogale uscente dalla corona, ed in caso di estinzione della discendenza diretta da un Doge, al ramo collaterale promissore.
Era lecito timbrare il proprio scudo con una speciale corona formata da un cerchio d'oro, gemmato, sostenente otto foglie di ruta (cinque visibili) alternate da altrettante perle (quattro visibili) conformemente alla deliberazione 13 maggio 1907 della Consulta Araldica, esecutoriata dal Ministro dell'Interno.
Le foglie di ruta vennero, con successiva deliberazione, sostituite da un pari numero di fioroni.
Avatar utente
San Marco
 
Messaggi: 1832
Iscritto il: venerdì 10 novembre 2006, 19:40

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti