Rangoni

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Rangoni

Messaggioda AndreaSperelli » martedì 23 ottobre 2007, 13:25

Qualcuno conosce alcune informazioni interessanti sulla famiglia Rangoni ? purtroppo autonomamente non ho trovato molto, so che è di origine Modenese (è iscritta al libro d’oro della nobiltà modenese con in titolo di “Marchese”) e che l’attuale stirpe è quella dei Rangoni-Macchiavelli.

Grazie,
A.S.
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 866
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Rangoni

Messaggioda Davide Shamà » martedì 23 ottobre 2007, 16:38

AndreaSperelli ha scritto:Qualcuno conosce alcune informazioni interessanti sulla famiglia Rangoni ? purtroppo autonomamente non ho trovato molto, so che è di origine Modenese (è iscritta al libro d’oro della nobiltà modenese con in titolo di “Marchese”) e che l’attuale stirpe è quella dei Rangoni-Macchiavelli.

Grazie,
A.S.


La casata è tra le più importanti della storia italiana. Pare essere di origine tedesca, il suo capostipite viene comunemente individuato in un cavaliere Gherardo che, secondo alcune fonti, potrebbe essere stato al servizio della Marchesa Matilde di Canossa nel 1092. Il figlio Guglielmo fu investito dal vescovo di Modena di alcuni feudi, tra il 1130 e il 1145, della Rocca di Chignano.
Secondo il Crollalanza: stabilitasi in Modena, salì quivi presto in grande autorità e potenza per modo da rivaleggiare colla stessa casa d'Este - (con la quale si imparentarono, la nota Alda Rangoni + 1325 fu moglie del marchese Aldobrandino II d'Este)
Pretori e podestà ebbero i Rangoni le città di Bologna, Verona, Milano, Cremona, Forlì, Orvieto ecc.
Fabio e Ranieri furono alla prima crociata.
un Gherardo, pronipote del fondatore, fu fatto dall'imperatore Federico I vicario imperiale di Modena nel 1167.
Aldobrandino fu investito dagli este del feudo di Spilamberto.
Guido fu famoso condottiero al servizio di Venezia, ed ebbe da questa repubblica il castello di Cordignano, nella Marca Trevigiana.
Guido (II) fu uno dei capitani più famosi del XVI secolo, fu creato dal Re di Francia capitano generale delle sue armin in Italia contro Carlo V.
Baldassarre marchese di Lonzano fu luogotenente della contea di Avignone, poi da Papa Pio IV creato signore di Pernes, mentre della repubblica veneziana fu generale delle armi in Candia (...)
Ebbero 2 cardinali (il Crollalanza nel riporta 4 per errore) e 3 vescovi, rispettivamente a Picenza, Modena e Reggio Emilia.
Arma: fasciato d'argento e d'azzurro, al capo di rosso caricato di una conchiglia d'argento, abbassato sott'altro capo dello stesso, caricato dell'aquila spiegata di rosso, membrata, imbeccata e coronata d'oro. Cimiero: un orso seduto al naturale.

La famiglia era divisa in Rangoni Machiavelli, Rangoni Terzi e Rangoni Santacroce (questi ultimi credo estinti).

Titoli x Rangoni Machiavelli: marchese, conte di Castelcrescente, conte della Punta di Bomporto, signore di Spilamberto con Corticella, San Vito, Colecchio e Ca' di Sale, Signore della Torre di Gaiada, signore di Gorzano, signore di Castelnuovo di Sopra, signore di Campiglio con Denzano, signore di Livizzano con la villa della Serra, signore di Castelvetro con Solignano e Rimaldello, signore del Passo di Bomporto, Patrizio di Modena (m.), Patrizio di Reggio (m.), Nobile di Mantova, Nobile di Ferrara, Nobile di Bologna e Nobile di Parma

Rangoni Terzi: marchese, conte di Castelcrescente, conte di Borgofranco, conte della Punta di Bomporto, signore di Spilamberto con Corticella, San Vito, Collecchio, Ca' de Sale, della Torre di Giada, Gorzano, Castelnuovo di Sopra con Cavidola, di Campiglio con Denzano, Vilabianca, Rosola di Livizzano con la villa della Serra di Castelvetro, con Solignano e Rimaldello, signore del Passo di Bomporto, Patrizio di Modena, Nobile di Mantova e Nobile di Parma
Davide Shamà
 

Messaggioda Matteo CB » martedì 23 ottobre 2007, 18:02

Gentili signori,
non aggiungo altro a quello già scritto dal sig. Shamà se non che i marchesi Rangoni Santacroce sono estinti in linea maschile. L'ultimo marchese fu Aldobrandino (1904-1949), figlio del marchese Guido (1873-1938) e di Elisabetta Bourbon del Monte Santa Maria (1877-1963).
Aldobrandino si sposò con Rita Lopéz (1907- ) ed ebbe una sola figlia, Elisabetta (1927-), ultima del suo illustre casato, convolata a nozze con François Clair (1926-) da cui: Patricia Clair (1957-) e Isabelle Clair (1959-).

Guido ed Elisabetta Rangoni Santacroce ebbero anche una figlia, Alda (25.07.1900 + 04.06.1953), sposata con il marchese Lauro Costa, da cui: Marzia Palma (09.04.1922) e Alessandro (22.05.1925), quest'ultimo con discendenza.

Cordiali Saluti,
Matteo Calcagni
Gaudeamus igitur, iuvenes dum sumus!
Matteo CB
 
Messaggi: 54
Iscritto il: mercoledì 8 agosto 2007, 13:00

Messaggioda Gian » martedì 23 ottobre 2007, 23:14

ricordo a memoria anche una famiglia piemontese d'origine modenese, i Rangone-malerba, non so se sono attinenti al caso...
Gian
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Gian » mercoledì 24 ottobre 2007, 11:34

a conferma di quanto dicevo ho trovato sull'interessantissimo sito di federico Bona
Rangone (da Modena) presenti in Piemonte con i titoli di:Marchese di Castagnole, Montaldo, Consignore di Villadeati.
blasonatura stemma: Fasciato d’argento e d’azzurro, con il capo del primo, carico di un’aquila di rosso, coronata, armata e membrata d’oro; sostenuto da un altro capo, di rosso, carico di una conchiglia d’argento
e
Rangone Malerba(già Buriano),Conti di Montelupo, con il seguente stemma:
Immagine
blasonatura:
Inquartato, al 1° e 4° di Rangone; al 2° e 3° troncato, al 1° di rosso al sole d’oro orizzontale destro; al 2° di argento al girasole al naturale; con la fascia d’azzurro carica di tre stelle d’oro, sulla troncatura
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Davide Shamà » mercoledì 24 ottobre 2007, 14:22

i Rangone non sono affatto originari di Modena, anche se qualche fonte ne parla. Sono bensì di Diano (Alba), e come riporta il Manno:


Filippo Buriano, militando sotto il marchese Giulio Rangone, ne prese, e ne ottenne, il cognome, lasciando quello di Buriano. Concessione di una piazza di notaio a Montelupo per lire 400 (1684, 26 aprile) che lasciò a suo nipote Carlo Lodovico Patrito. Acquista dal conte Giambattista Malvasia, parte di Montelupo (1669); investito (1674, 24 settembre) col comitato. Ne vende parte al conte Pier Giacomo Pastoris statone investito (1684, 11 settembre). Per testamento (1685, 29 gennaio) lascia il feudo e il palazzo alla sorella Cecilia e al di lei figlio, coll’obbligo di chiamarsi Rangone e fondando una primogenitura (approvazione patenti, 1719, 12 luglio).

Dunque con la presente discussione non c'entrano. Si sono estinti con il conte Carlo Emanuele nel 1808.
Davide Shamà
 

Messaggioda Gian » mercoledì 24 ottobre 2007, 14:47

Davide Shamà ha scritto:i Rangone non sono affatto originari di Modena, anche se qualche fonte ne parla. Sono bensì di Diano (Alba), e come riporta il Manno:


Filippo Buriano, militando sotto il marchese Giulio Rangone, ne prese, e ne ottenne, il cognome, lasciando quello di Buriano. Concessione di una piazza di notaio a Montelupo per lire 400 (1684, 26 aprile) che lasciò a suo nipote Carlo Lodovico Patrito. Acquista dal conte Giambattista Malvasia, parte di Montelupo (1669); investito (1674, 24 settembre) col comitato. Ne vende parte al conte Pier Giacomo Pastoris statone investito (1684, 11 settembre). Per testamento (1685, 29 gennaio) lascia il feudo e il palazzo alla sorella Cecilia e al di lei figlio, coll’obbligo di chiamarsi Rangone e fondando una primogenitura (approvazione patenti, 1719, 12 luglio).

Dunque con la presente discussione non c'entrano. Si sono estinti con il conte Carlo Emanuele nel 1808.

molto interessante, grazie! e i primi Rangone da me citati, i marchesi di Castagnole per intendersi, a quale famiglia appartengono?
grazie
Gian
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Davide Shamà » mercoledì 24 ottobre 2007, 14:55

Gian ha scritto:
Davide Shamà ha scritto:i Rangone non sono affatto originari di Modena, anche se qualche fonte ne parla. Sono bensì di Diano (Alba), e come riporta il Manno:


Filippo Buriano, militando sotto il marchese Giulio Rangone, ne prese, e ne ottenne, il cognome, lasciando quello di Buriano. Concessione di una piazza di notaio a Montelupo per lire 400 (1684, 26 aprile) che lasciò a suo nipote Carlo Lodovico Patrito. Acquista dal conte Giambattista Malvasia, parte di Montelupo (1669); investito (1674, 24 settembre) col comitato. Ne vende parte al conte Pier Giacomo Pastoris statone investito (1684, 11 settembre). Per testamento (1685, 29 gennaio) lascia il feudo e il palazzo alla sorella Cecilia e al di lei figlio, coll’obbligo di chiamarsi Rangone e fondando una primogenitura (approvazione patenti, 1719, 12 luglio).

Dunque con la presente discussione non c'entrano. Si sono estinti con il conte Carlo Emanuele nel 1808.

molto interessante, grazie! e i primi Rangone da me citati, i marchesi di Castagnole per intendersi, a quale famiglia appartengono?
grazie
Gian


la fonte che ha citato si riferisce ad una RangonI, Barbara di Baldassarre Rangoni (questo sì modenese), che fu infeudata del feudo di Montalto il 20-5-1620. Il feudo fu riunito al Regio Patrimonio nel 1722.
Davide Shamà
 

Messaggioda Gian » mercoledì 24 ottobre 2007, 15:44

Davide Shamà ha scritto:
Gian ha scritto:
Davide Shamà ha scritto:i Rangone non sono affatto originari di Modena, anche se qualche fonte ne parla. Sono bensì di Diano (Alba), e come riporta il Manno:


Filippo Buriano, militando sotto il marchese Giulio Rangone, ne prese, e ne ottenne, il cognome, lasciando quello di Buriano. Concessione di una piazza di notaio a Montelupo per lire 400 (1684, 26 aprile) che lasciò a suo nipote Carlo Lodovico Patrito. Acquista dal conte Giambattista Malvasia, parte di Montelupo (1669); investito (1674, 24 settembre) col comitato. Ne vende parte al conte Pier Giacomo Pastoris statone investito (1684, 11 settembre). Per testamento (1685, 29 gennaio) lascia il feudo e il palazzo alla sorella Cecilia e al di lei figlio, coll’obbligo di chiamarsi Rangone e fondando una primogenitura (approvazione patenti, 1719, 12 luglio).

Dunque con la presente discussione non c'entrano. Si sono estinti con il conte Carlo Emanuele nel 1808.

molto interessante, grazie! e i primi Rangone da me citati, i marchesi di Castagnole per intendersi, a quale famiglia appartengono?
grazie
Gian


la fonte che ha citato si riferisce ad una RangonI, Barbara di Baldassarre Rangoni (questo sì modenese), che fu infeudata del feudo di Montalto il 20-5-1620. Il feudo fu riunito al Regio Patrimonio nel 1722.

grazie di aver chiarito l'equivoco...
Gian
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Reginella » giovedì 25 ottobre 2007, 14:27

Un marchese Rangoni, in quel di Modena
Immagine
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Messaggioda Reginella » giovedì 25 ottobre 2007, 14:44

Lo stemma dei marchesi Rangoni, dallo Stemmario Estense
Immagine
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Messaggioda Gian » giovedì 25 ottobre 2007, 17:12

molto bello il ritratto. simpatico lo stemma.
grazie Reginella!
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Reginella » giovedì 25 ottobre 2007, 17:41

Di nulla, carissimo Gian! :D
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Messaggioda Gian » giovedì 25 ottobre 2007, 17:59

curioso il particolare della mano che regge il biglietto, per altro è così ben studiato da dare proprio un'impressione di tridimensionalità...
Gian
Semper ad majora - Eadem non eadem

"hana wa sakuragi, hito wa bushi"
Gian
 
Messaggi: 546
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 23:31

Messaggioda Reginella » giovedì 25 ottobre 2007, 18:06

E' uno stratagemma che da Antonello da Messina in poi era molto amato :wink:
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Prossimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti