Istituto "Araldico" di Roma

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda Elmar Lang » venerdì 15 novembre 2019, 17:41

Salve,

un conoscente a me carissimo e nobiluomo d'antica stirpe, mi ha scritto poco fa, informandomi d'esser stato contattato da un Istituto "Araldico" di Roma, che si propone di fornirgli approfondite notizie sulla sua famiglia, riguardo la quale sarebbero state scoperte notizie inedite e di fondamentale interesse. La cosa, ovviamente e comprensibilmente, dietro compenso: cosa questa, che includerebbe anche la realizzazione dello stemma (dal mio conoscente già posseduto, peraltro, oltre che magnificamente inciso nel lapislazzuli incastonato nell'anello di famiglia).

Il mio conoscente, sapendo della mia passione -pur limitata alla faleristica- vorrebbe avere notizie circa la serietà professionale ed araldica dell'Istituto ed io, essendo un semplice principiante nella scienza del blasone, mi permetto di porre qui il mio quesito.

Cordiali saluti dal piovosissimo Trentino,

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3388
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » venerdì 15 novembre 2019, 18:04

Ho modificato il tuo topic nascondendo il nome dell'Istituto al quale credo sia meglio non fare pubblicità.
Infatti, come accade spesso in questi casi, trattasi di pura e semplice truffa.
Il modus operandi è sempre il medesimo: traggono le notizie dai repertori di epoca regnicola e spacciano ogni famiglia per nobile.
Quando la famiglia non è presente nei repertori inventano di sana pianta.

La cosa interessante è proprio il fatto che a ognuno che scrive rispondono che certamente hanno notizie della sua nobile famiglia.
Puoi dire al tuo amico di scrivere una mail con un cognome inventato tipo " De Truffis" o "Truffante".. vedrai che gli troveranno una storia di famiglia e uno stemma.. ;)

PS
Ho controllato sul sito dell'Istituto e naturalmente c'è anche la tua famiglia!
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 7029
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda Elmar Lang » venerdì 15 novembre 2019, 18:37

Caro Alessio,

in effetti, la mia era quasi una domanda retorica e quel "quasi" è divenuto una certezza grazie alla tua arguta risposta.

Ritengo perciò che un nobiluomo che avesse già esperito tutte le verifiche riguardo la storia famiglia, in base ad atti comprovati ed autenticati, di certo non avrà bisogno dei servigi di questo istituto per ricevere il proprio stemma.

Anche a te, ringraziandoti, buona serata dall'ora anche gelido, oltre che piovoso Trentino.

Enzo (E.L.)
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3388
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda GENS VALERIA » sabato 16 novembre 2019, 12:45

Ho potuto appurare che( raramente ) si trovano istituti seri . Una mia cara, serissima amica toscana fa ricerca a pagamento e saltuariamente collabora con uno di essi e conosce bene l'ambiente .
Essi prendono notizie su una famiglia nobile , stemma , modalità di nobilitazione , personaggi storici , come preambolo, poi fanno la ricerca genealogica di figlio in padre fino dove possono arrivare , generalmente … Sec XVI , se trovano il famoso "aggancio" di gattopardesca memoria, hanno fatto un buon lavoro . Nel caso non riescono ad agganciarsi si fermano e non lavorano di fantasia , ovviamente tutto supportato da pezze d'appoggio documentate : atti vari , riferimenti bibliografici . Senza " aggancio",onestamente ti avvertono che si potrebbe trattare di famiglia omonima . Ho potuto visionare uno di questi malloppi che si fanno pagare profumatamente, ma …. ben fatto.
Ho potuto visionarne un altro farlocco di altro istituto delle mie parti ( il titolare era il fratello, ora defunto, di quello dell'istituto toscano ).

In un altro istituto di Roma ho commissionato la ricerca di uno stemma , me lo ha trovato con scansione ed inviato . Siccome ero scettico ho contattato la responsabile della biblioteca dove è custodito , mi ha confermato tutto con tanto di data presunta e posizione bibliografica …
Cosa vi devo dire ? Mahhh !!!
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5294
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda contegufo » martedì 19 novembre 2019, 4:22

Ciao Sergio

.....ma hai fatto nome e cognome!
Non dovevi geolocalizzare.

Saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2611
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda Elmar Lang » martedì 19 novembre 2019, 8:49

A dire il vero, non trovo nulla di male nel fatto che una ditta specializzata in ricerche genealogiche, si faccia pagare per il suo lavoro. Questo tipo di ricerche è complesso ed il tempo impegato, va proporzionalmente remunerato, come per qualsiasi lavoro.

Un po' meno mi piacciono -culturalmente parlando- quelle specie di "Adelsbriefe", spesso munite di timbri e sigilli, con storia e gloria della dinastia ricercata ed infine stemma policromo. Da scegliersi, in listino, dal semplice file .pdf, alla stampa su carte progressivamente pregiate e su, su, fino magari alla pergamena. Qui cadiamo (o scadiamo) nella "vanitas".

Ma si sa, ciò che è in vendita, lo è perché vi sono i compratori.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3388
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda GENS VALERIA » martedì 19 novembre 2019, 11:17

contegufo ha scritto:
.....ma hai fatto nome e cognome!
Non dovevi geolocalizzare.

Vorrà dire che mi autoinfliggerò severe punizioni ;)
Cordialità
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5294
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda pierluigic » martedì 19 novembre 2019, 13:33

dopo aver salutato Contegufo che mi si e' fatto straniero
alcune considerazioni :

una ricerca genealogica puo' essere fatta fare da un istituto specializzato ma e' richiesto che colui che demanda il compito ad un altro soggetto
sappia comprendere e dirigere ossia abbia le conoscenze di base per tenere il tutto sotto controllo
Esempio : Se io debbo ristrutturare una casa non e' necessario che io sappia fare gli allacciamenti idraulici o elettrici posso tranquillamente demandare ad altri il compito dell'esecuzione manuale e' necessario pero' che io sia in grado di gestire il controllo sull'esecuzione

E qui l'importanza di forum come IAGI che permettono di veicolare quelle conoscenze di base per gestire una corretta gestione di una moderna ricerca genealogica
Per questo mi batto per una puntigliosa applicazione di linee guida
Il neofita ( colui che si avvicina al forum ed alla genealogia ) non deve ricevere messaggi sbagliati , non deve avere dubbi su cosa e' corretto fare e cosa non e' corretto fare , ne' su quali documenti sono probanti e quali non lo sono, ecc............
Chiunque affidando l'esecuzione dell'indagine genealogica ad altri ( a molti manca il tempo ) deve saperla pero' tenere sotto controllo

Anch'io talvolta mi sono affidato ad aziende specializzate ma ho sempre cercato di dirigere la ricerca, rimodulandola a mio discernimento via via a seconda delle risultanze

un ulteriore considerazione
Vi sono molti piccoli ricercatori e molte piccole aziende di ricercatori associati estremamente seri in ogni provincia
Gli istituti in realta' demandano a questi ultimi il lavoro ricavando percentuali sul loro compenso , credo valga la pena salvaguardando il portafoglio di rivolgersi direttamente a loro

cordialmente
pierluigic
pierluigic
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda GENS VALERIA » martedì 19 novembre 2019, 19:53

Scrivi cose vere. Oggi in rete molti documento sono reperibili , sino a qualche anno fa , talvolta occorreva trasferirsi alcuni giorni fuori regione per fotocopiare ( le fotocamere erano un sogno ) i vari atti , dopo aver fatto carte false per farsi raccomandare al parroco di turno: Tempi eroici , per ricercatori malati come me di genealogia. Più facile e meno costoso affidarsi a ricercatori seri.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5294
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda pierluigic » mercoledì 20 novembre 2019, 0:15

.
io non mi interesso di nobilta' e non ne so niente , proprio niente, e' cosa che non ho mai preso in considerazione perche' escluso e per convinzione personale
Mi e' capitato ora di buttare un occhio sulla pubblicita' in internet per alcuni annuari della nobilta' non ufficiali e mi sono spaventato
1) il costo
2) il numero delle famiglie nobili elencate

Se almeno un' appartenente di queste famiglie comperasse ..............

Ingenuamente ( anzi stupidamente pensandoci meglio ) non mi ero mai reso conto del possibile giro di affari che potrebbe movimentare quella che viene detta genealogia nobiliare

Sono un po' spaventato e preoccupato
Chissa quanti si sturbano a sentire i nostri richiami ad una genealogia fai da te
.
pierluigic
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 20 novembre 2019, 10:03

La ricerca genealogica seria ,molto meglio se fatta personalmente, deve o dovrebbe essere di supporto all'aggiornamento ed integrazione dei dati riportati nei vari almanacchi nobiliari ,non vedo in questo fonte di particolare turbamento. Vero è che tali ''apporti'' a volte vengono accolti positivamente ,altre volte , ignorati.
Comunque ,i discendenti di famiglie, che si interessano alla genealogia seria e che si prendano la briga di aggiornare, correggere errori ,integrare le schede degli almanacchi nobiliari sono , ahinoi , veramente pochi.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5294
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Istituto "Araldico" di Roma

Messaggioda pierluigic » mercoledì 20 novembre 2019, 23:16

certi presupposti alla ricerca genealogica andrebbero combattuti riportando alle giuste dimensioni il valore del titolo nobiliare nella storia di una famiglia

Essi prendono notizie su una famiglia nobile , stemma , modalità di nobilitazione , personaggi storici , come preambolo, poi fanno la ricerca

genealogica di figlio in padre fino dove possono arrivare , generalmente … Sec XVI , se trovano il famoso "aggancio" di gattopardesca memoria,

hanno fatto un buon lavoro . Nel caso non riescono ad agganciarsi si fermano e non lavorano di fantasia , ovviamente tutto supportato da pezze

d'appoggio documentate : atti vari , riferimenti bibliografici . Senza " aggancio", onestamente ti avvertono che si potrebbe trattare di famiglia

omonima



onestamente ti avvertono che si potrebbe trattare di famiglia omonima



non c'e' interesse per la ricerca ma solo un enorme giro d'affari e di gratificazioni
assomiglia molto a quelle lauree strane di universita' improbabili che comunque qualcuno compra


Comunque ,i discendenti di famiglie, che si interessano alla genealogia seria e che si prendano la briga di aggiornare, correggere errori ,integrare

le schede degli almanacchi nobiliari sono , ahinoi , veramente pochi.


e' proprio cosi
chi vuoi si metta a rischio ?
anche perche' e' possibile che le ricerche sette-ottocentesche sottoposte a verifica scricchiolino pericolosamente
con alcuni a scoprire che la famiglia ha presupposti nobiliari fasulli


La ricerca genealogica seria ,molto meglio se fatta personalmente, deve o dovrebbe essere di supporto all'aggiornamento ed integrazione dei dati riportati nei vari almanacchi nobiliari ,

i vari almanacchi non hanno interesse , fare controlli , modificare i database ............ha un costo pesante che non vogliono affrontare
Questi almanacchi mescoleranno sempre vero e falso in maniera indistinguibile ( anche in buonafede ) perche' all'origine sono costruiti in maniera antiscientifica


Sono un po' spaventato e preoccupato
Chissa quanti si sturbano a sentire i nostri richiami ad una genealogia fai da te


Un giro di affari di questa portata e' duro da far morire e si difendera' con le unghie e coi denti
Le fantasie sono spesso piu' gradevoli e piu' facili ad essere credute che le verita'

.
pierluigic
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti