Medaglie interalleate di vittoria

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Medaglie interalleate di vittoria

Messaggioda Mario Volpe » sabato 14 luglio 2007, 19:53

Durante la Prima Guerra Mondiale sono state numerose le decorazioni emesse dalle nazioni partecipanti al conflitto, per il riconoscimento delle più svariate categorie di merito o di servizio di coloro che, sia militari che civili, a milioni presero parte agli eventi di quella sanguinosa guerra.

Immagine Immagine Immagine Immagine

Tra queste vi fu un singolare gruppo di decorazioni, emesse dalla gran parte delle nazioni alleate vincitrici, destinate a commemorare la vittoria in quella che fu allora definita come la “Grande Guerra per la Civiltà”.
Le medaglie coniate nei vari Paesi erano assai simili tra loro sia nel disegno che nel nastro – formato da un arcobaleno di colori - benché ciascuna conservasse nei simbolismi in essa rappresentati una propria identità nazionale.
In Italia la “Medaglia Commemorativa della Vittoria 1918” fu istituita il 16 dicembre 1920 e fu conferita a tutti coloro che avessero prestato almeno quattro mesi di servizio nella zona di giurisdizione delle armate.

Immagine

Di questa decorazione si conoscono diverse varianti, ben rappresentate in questa pagina tratta dal libro di Scarpa e Sezanne “Le decorazioni del Regno di Sardegna e del Regno d’Italia - Commemorative – Vol. II”:

Immagine

Questo gruppo internazionale di decorazioni, alcune assai comuni, altre invece molto difficili da reperire, sono col tempo diventate un “must” per i collezionisti di medaglie e costituiscono una delle “tematiche” più rinomate per i faleristi di tutto il mondo.
In questo intervento, ho cercato di raccogliere tutti gli esemplari che furono all’epoca emessi nelle varie nazioni alleate, per fornire una traccia ai nostri frequentatori eventualmente interessati. Ogni contributo, aggiunta o precisazione, sarà naturalmente il benvenuto.

Partiamo con il modello belga:
Immagine

Il modello brasiliano:
Immagine

Il modello della Cecoslovacchia:
Immagine

Il modello cubano:
Immagine

Il modello francese e due varianti successive:
Immagine Immagine Immagine

Il modello giapponese:
Immagine

Il modello greco:
Immagine

Il modello polacco, con una variante postbellica:
Immagine Immagine

Il modello portoghese:
Immagine

Il modello inglese:
Immagine

Il modello romeno:
Immagine

Il modello statunitense:
Immagine


Alcuni modelli collegati, Panama, Cina, Sudafrica e Regno del Siam:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe
Ultima modifica di Mario Volpe il sabato 22 dicembre 2007, 19:35, modificato 3 volte in totale.
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Tilius » sabato 14 luglio 2007, 21:06

Argomento davvero interessantissimo.
Grazie!
ImmagineImmagineImmagine
Mi permetto una precisazione collezionistica; le medaglie interalleate emesse dalle Nazioni "maggiori" (nel senso di maggiormente coinvolte nel conflitto :mrgreen: ), e cioè Italia, Francia, Belgio, Regno Unito, Stati Uniti, sono molto comuni e quindi hanno prezzi abbordabilissimi (dell'ordine dei pochi €; un po' più care risulltano essere quelle inglesi, probabilmente a causa del fatto che sono nominative: il nome e la matricola vengono incisi sul bordo). Tutte le medaglie degli altri Stati sono rare o rarissime e, quando si trovano, le quotazioni sono stratosferiche (centinaia di €...).
Questo fatto ha inevitabilmente favorito il proliferare dei falsi. L'opera dei falsari viene oltretutto agevolata dalla relativa facilità richiesta per riprodurre queste medaglie: l'unitarietà del nastro arcobaleno lo rende molto facile da reperire, anche in pezzature d'epoca, e l'assenza di smalti o lavorazioni particolari fa sì che il conio possa essere riprodotto senza difficoltà con risultati qualitativamente molto buoni, tanto che può risultare estremamente difficile distinguere un originale da un falso. :roll: :roll: :roll:
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12473
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Mario Volpe » domenica 15 luglio 2007, 12:10

Può essere interessante ricordare come l’idea originale di creare una medaglia interalleata commemorativa della vittoria, che venisse coniata da ciascuna delle nazioni che durante il conflitto combatterono contro gli Imperi Centrali austro-tedeschi, sia stata lanciata dal comandante supremo delle forze alleate, il Maresciallo Ferdinand Foch.

Immagine

Le caratteristiche generali delle medaglie furono stabilite nel corso di una riunione della Commissione Militare Interalleata, che stabilì che il colore del nastro fosse costituito da un doppio arcobaleno (raffigurante nel contempo tutti i colori delle nazioni alleate, nonché l’avvento di una nuova era di pace dopo gli orrori della guerra), la decorazione avrebbe dovuto essere in bronzo del diametro di 36 mm., il disegno – la cui interpretazione veniva comunque lasciata a ciascun Paese – doveva riportare al recto la rappresentazione della vittoria alata senza iscrizioni, mentre il verso avrebbe dovuto riportare la scritta “Grande Guerra per la Civilizzazione” nelle rispettive lingue, con i nomi delle nazioni alleate o associate e lo stemma nazionale.
Il risultato, come abbiamo visto, fu generalmente omogeneo, benché alcune nazioni abbiano preferito scegliere delle soluzioni più personalizzate. Come il Giappone ed il Siam, nella cui cultura il simbolismo della vittoria alata non avrebbe avuto alcun significato, e preferirono sostituirla in Giappone con la rappresentazione della figura mitologica di “Take-Mikazuchi-no-Kami”, figlio dell’antica divinità “Izanagi”, che sconfisse il fratello per conquistare il Giappone. Anche nel Siam si utilizzò la figura di una divinità locale.
Altra singolarità è rappresentata dal fatto che la decorazione britannica fu estesa non solo ai combattenti del Regno Unito, ma anche alle truppe del Commonwealth canadesi, neozelandesi, australiane ed indiane, mentre il Sud Africa volle istituire una propria medaglia che si differenziava da quella inglese per l’aggiunta dell’iscrizione in lingua boera.
La Polonia non procedette mai ad una istituzione ufficiale di una propria medaglia della vittoria, ed i rari esemplari in circolazione (di cui si conoscono diverse varianti) sarebbero scaturiti da iniziative private di associazioni di veterani polacchi.
La medaglia cinese riportata nel precedente intervento, viene considerata non ufficiale e, benché conferita per la vittoria del 1918, non si collega direttamente all’accordo interalleato.
Anche la medaglia istituita a Panama, che pure ebbe una piccola partecipazione al conflitto, non rientra nel suddetto accordo.
La decorazione statunitense fu l’unica che prevedeva l’apposizione sul nastro di barrette metalliche che indicavano le singole campagne a cui il militare aveva preso parte (come nell'esempio seguente).

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe
Ultima modifica di Mario Volpe il domenica 23 dicembre 2007, 11:57, modificato 2 volte in totale.
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Mario Volpe » martedì 17 luglio 2007, 18:41

Un bell'esemplare del modello italiano (Lorioli)...

Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda cassinelli » mercoledì 18 luglio 2007, 7:22

Ecco un esempio di Diploma di Conferimento.

Immagine
Alessio Cassinelli Lavezzo
Avatar utente
cassinelli
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: martedì 26 dicembre 2006, 21:40
Località: Milano

Re: Medaglie interalleate di vittoria

Messaggioda nicolad72 » mercoledì 25 luglio 2007, 10:43

Mario Volpe ha scritto:Il modello statunitense:
Immagine


Sulla Medaglia della Vittoria versione USA vennero applicate due differenti tipi di barrette:
di campagna
di servizio

Le “barrette di campagna”, in bronzo sono larghe 38 mm e alte 3 mm (1 e ½ pollice e 1/8 di pollice) e riportano, tra due stelle, un inscrizione indicate o il nome della campagna oppure le parole “Difensive Sector”.
Le barrette di battaglia furono conferite per ognuna della maggiori campagne che furono:
Cambrai
Difesa della Somma
Lys
Aisne
Montdidier-Noyon
Champagne-Marne
Aisne-Marne
L’offensiva della Somma
Oise-Aisne
Ypres-Lys
St. Michiel
Meuse-Argonne
Vittorio Veneto
“Defensive Sector”

Seguono le immagini

Immagine

Le “barrette di servizio”, in bronzo, larghe 38 mm e alte 3 mm (1 e ½ pollice e 1/8 di pollice) recano inciso il nome del paese nel quale fu prestato il servizio. Queste barrette furono conferite a coloro, che avendo prestato servizio all’estero in una specifica zona, non furono insigniti di una “barretta di battaglia”. Le barrette autorizzate furono:
Inghilterra
Francia
Italia
Russia
Siberia

Seguono le immagini

Immagine
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10496
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Messaggioda Mario Volpe » giovedì 20 dicembre 2007, 16:16

cassinelli ha scritto:Ecco un esempio di Diploma di Conferimento.

Immagine


Mi accorgo solo ora che il diploma qui postato si riferisce alla medaglia commemorativa 1914-18. In realtà credo che il diploma di conferimento della interalleata fosse questo:

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda equites » giovedì 20 dicembre 2007, 16:30

Complimenti davvero! :D
"...e per rincalzo il cuore"
equites
 
Messaggi: 826
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 22:17
Località: Taranto

Messaggioda Tilius » giovedì 20 dicembre 2007, 17:39

Mario Volpe ha scritto:
cassinelli ha scritto:Ecco un esempio di Diploma di Conferimento.

Immagine


Mi accorgo solo ora che il diploma qui postato si riferisce alla medaglia commemorativa 1914-18. In realtà credo che il diploma di conferimento della interalleata fosse questo:

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe


Dovrei avere un diploma del primo tipo di cui sopra (medaglia commemorativa), poi "soprastampato" (dicitura aggiunta tramite semplice timbro) per conferire anche la medaglia interalleata...
Stasera controllo.
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12473
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda cassinelli » giovedì 20 dicembre 2007, 23:28

Ecco la sovrastampa sul Diploma di mio Nonno.

Immagine


Sul Diploma è, inoltre, presente l'autorizzazione a fregiarsi della Medaglia dell'Unità d'Italia.

Immagine


Il Diploma nella sua interezza.

Immagine


Ed ecco, infine, la Medaglia.

Immagine
Alessio Cassinelli Lavezzo
Avatar utente
cassinelli
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: martedì 26 dicembre 2006, 21:40
Località: Milano

Messaggioda Mario Volpe » venerdì 21 dicembre 2007, 9:52

Interessante (peccato che non si legga molto bene), in questo caso si sono presi "tre piccioni con una fava"...

Vi faccio allora vedere due diversi diplomi inerenti la interalleata francese, un diploma belga ed uno romeno:

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Mario Volpe » sabato 22 dicembre 2007, 20:20

Nonchè un documento inglese di trasmissione della British War Medal e della Victory Medal ad un soldato "which would have been conferred upon"...:

Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: Medaglie interalleate di vittoria

Messaggioda spinnaker » sabato 22 dicembre 2007, 23:40

Mario Volpe ha scritto:Durante la Prima Guerra Mondiale sono state numerose le decorazioni emesse dalle nazioni partecipanti al conflitto, per il riconoscimento delle più svariate categorie di merito o di servizio di coloro che, sia militari che civili, a milioni presero parte agli eventi di quella sanguinosa guerra.



Egregio Dott Volpe, ma esistono solo quelle inserite da Lei o ve ne sono altre???

Se così fosse, sarebbe possibile un'elenco completo dei Paesi che le hanno coniate!!

Grazie
Con osservanza.

Spinnaker
Avatar utente
spinnaker
 
Messaggi: 385
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2007, 19:02

Messaggioda Mario Volpe » domenica 23 dicembre 2007, 11:48

Beh per quanto riguarda le Medaglie della Vittoria, credo di averle inserite tutte, ivi incluse - come accennato - alcune emissioni non direttamente collegate all' "accordo interalleato".
Diverse nazioni che hanno preso parte al conflitto hanno poi istituito anche delle medaglie commemorative per la Grande Guerra, che costituirono, insieme alla "interalleata" ed alle varie croci di guerra il tipico gruppo di distinzioni che hanno potuto indossare i partecipanti al conflitto.
Per l'Italia ci fu la Medaglia Commemorativa della Guerra 15-18, di cui abbiamo più volte parlato in altri topics.
Potrebbe essere interessante ricostruire il quadro delle varie commemorative che furono istituite dopo il conflitto. Appena ho un pò di tempo ci provo...

Cordialmente,

Mario Volpe
Ultima modifica di Mario Volpe il domenica 30 dicembre 2007, 12:14, modificato 1 volta in totale.
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3553
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda spinnaker » domenica 23 dicembre 2007, 16:03

Egregio Dott. Volpe, la ringrazio della risposta ed aspetto l'elenco che vorrà fornire nel Forum.

Mi piacerebbe avere un documento di riferimento per iniziare una raccolta!!

Sono un novello collezionista....

Se qualcuno mi potesse fornire, se fosse possibile, anche una sorta di quotazione di mercato per le medaglie....(a roma si dice....per non prendere una sola..)!!

Grazie a tutti
Con osservanza.

Spinnaker
Avatar utente
spinnaker
 
Messaggi: 385
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2007, 19:02

Prossimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti