L'armadio di Goering

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Pantheon » giovedì 19 agosto 2010, 9:16

[offtopic.gif]
Il Prof. Cognasso torinese doc, anzi pinerolese doc...Storico scrupoloso. L'ho sempre vivido nel ricordo perchè in Torino, in un quartiere a me ben conosciuto, gli fu intitolata (1996) la biblioteca civica a dieci anni dalla sua scomparsa e a 100 dalla sua nascita. Peraltro, tra i tanti prestigiosi incarichi (l'ho scoperto in questio giorni) fu presidente della Mostra storica organizzata in occasione del Centenario dell'Unità d'Italia, nel 1961.....
Grande figura di insigne studioso...
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Tilius » giovedì 19 agosto 2010, 9:38

Cronista di Livonia ha scritto:Caro Tilius,

grazie per il concordo su tutto, per il resto spero nessun pietismo, ma solo pura verita'. Basta leggere l'opera dello storico, senz'altro filo-sabaudo, ma onesto, Francesco Cognasso.
Re Vittorio Emanuele, forzato da CNL ed anglo-americani alla luogotenenza, non pote' cedere i poteri al Luogotenente a Roma, come originariamente fatto intendere, perche' ritenuto indegno di entrarvi, inoltre quando il Re d'Inghilterra visito' Napoli, dove i Sovrani d'Italia erano relegati per la loro indegnita', questi furono fatti sloggiare in fretta e furia perche' indegni di risiedere vicino al monarca britannico (ed a costui avrebbe dovuto dare l'OSSA? per cosa? per questo tipo di trattamento? dove la co-belligeranza era da intendersi come soggezione ed umiliazione a piu' non posso?) e queste non furono le uniche umiliazioni subite. Inflitte, sottolineo, al Sovrano che bene o male aveva licenziato Mussolini e traghettato l'Italia dall'altra parte dello schieramento bellico. Bella gratitudine!
Con lezioni cosi' non mi stupirei di avere in futuro piu' Mussolini ed Hitler, ovvero gente che lotta fino all'ultimo uomo sacrificabile per proprio tornaconto, al posto di gente pronta a cercare un accordo con il palese vincitore.
Cordialmente,

Il Cronista di Livonia


Caro Cronista, conosco e comprendo le sue ragioni di devozione alla causa monarchica.

Personalmente però, pur provando anche una certa simpatia per la figura storica di Vittorio Emanuele III (gli concedo come attenuanti a quanto fece - o meglio non fece - durante il Ventennio, quanto invece riuscì a fare durante la Grande Guerra, prendendo personalmente in mano la situazione quando sembrava ormai irrimediabilmente compromessa... e poi era un numismatico, anzi il numismatico [thumb_yello.gif]... sulle faccende del '43 caliiamo invece un velo pietoso... tenativi estremi e tardivi di "salvarsi il c***" quando la guerra era palesemente perduta... e che di questo si trattasse lo dimostra l'ignobile vigliaccata della fuga a Brindisi, causa prima della perdita di consensi della Monarchia, forse ancor più che la ventennale complicità col Fascismo), pensò che le eventuali "scortesie" usategli dagli occupanti anglo-americani, furono cosa irrilevante.
Se lo avessero messo agli arresti, lui e tutta la Famiglia Reale, non ci sarebbe stato nulla di strano.
Se lo avessero deportato in qualche posto esotico (tipo India o simile) per tirarselo giù dalle spese, anche questo ci stava tutto.
Se lo avessero direttamente passato per le armi (con o senza la gentilezza di un processo), anche quello ci poteva stare tutto.
A Norimberga, i colpevoli di "Crimini contro l'Umanità" furono tutti (con l'eccezione di un ergastolo e di una condanna a 20 anni...) mandati alla forca.
Il Re nel '38 cosa firmò?
Erano o non erano Regi i Decreti Legge che davano corso alle leggi razziali in Italia?
Bastava solo questo (non che mancasse altro, molto altro da contestargli... ce n'era in copiosa abbondanza...).

Il concedere l'ultima chance referendaria fu invece dimostrazione di una benevolenza infinita da parte degli occupanti.

Ergo, le inosservanze al protocollo di corte, dopo il caos dell'Armistizio e la fuga a Brindisi nel '43, davvero erano cosa già fuori dal tempo e dalla storia, suvvia.

PS: chiedo venia se ho citato integralmente l'intervento.
Il motivo é solo il fatto che si é cambiata pagina.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Pantheon » giovedì 19 agosto 2010, 9:52

[offtopic.gif] ...
Bene, quindi essere un numismatico è una scriminante che salva dalla Immagine...
Sono a posto allora...Da oggi sono numismatico.... [dev.gif]
;)
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Cronista di Livonia » giovedì 19 agosto 2010, 10:00

Sara' che vivo in un altro secolo, ma dalle mie parti il nemico sconfitto, specie se accetta la resa prima di aver costretto l'avversario ad annientarlo, con ulteriore perdita di vite umane da entrambi i lati, lo si accoglie con uno spirito diverso.
Va bene ha perso, paghi i danni, ma sempre Capo di Stato resta e quindi non va umiliato, anzi, anche perche' in genere dalle umiliazioni non nascono sentimenti fraterni.

Ma al di la' di questo se la mia affermazione di cui sopra da luogo a ipotesi di "pietismo" posso anche togliere la parte relativa agli "indecenti trattamenti" e lasciare tutto il resto, anche senza quella perche' mai il Re avrebbe dovuto concedere l'OSSA a chiunque se non lo aveva piu' concesso dal 1915 ad alcun britannico? Quali elementi di grande amicizia e fratellanza potevano mai motivare una tale scelta?

Vero Signore fu Faruk d'Egitto che aggredito dalle truppe italiane nel 1940 diede, nel 1946, asilo e poi, nel 1947, funerali di Stato a Vittorio Emanuele III, ma forse anche lui viveva in un altro secolo.
Cordialmente,

Il Cronista di Livonia
Ultima modifica di Cronista di Livonia il giovedì 19 agosto 2010, 10:56, modificato 1 volta in totale.
Cronista di Livonia
 
Messaggi: 1067
Iscritto il: lunedì 10 luglio 2006, 14:09

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Pantheon » giovedì 19 agosto 2010, 10:08

Vero Signore fu Faruk d'Egitto che aggredito dalle truppe italiane nel 1940 diede, nel 1946, asilo e poi, nel 1947, funerali di Stato a Vittorio Emanuele III, ma forse anche lui viveva in un altro secolo.

Colto nel segno ! E' proprio questo il punto saper accettare la vittoria come la sconfitta e trattare il prossimo con dignità !
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » giovedì 19 agosto 2010, 10:46

Pantheon ha scritto: Colto nel segno ! E' proprio questo il punto saper accettare la vittoria come la sconfitta e trattare il prossimo con dignità !


La stessa dignità con cui furono trattati gli ex sovrani degli antichi stati italiani dopo l'Unità dal Re Vittorio Emanuele II? Quanto è bella la Nemesi storica!!!!! [dev.gif]
A presto.
PMMO
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Cronista di Livonia » giovedì 19 agosto 2010, 10:54

Perche' no? Gli Asburgo-Lorena-Toscana non furono certo perseguitati o processati ed anche i Borbone che ben tardi si rassegnarono alla perdita del trono alla fine raggiunsero un accordo con lo Stato italiano.
Quale nemesi storica?
Qui si fanno battute per celare la propria ignoranza dei fatti su cui si basa invece la strumentalizzazione di un fatto storico. Dove sono delle risposte basate sui fatti?

Cordialmente,

Il Cronista di Livonia
Cronista di Livonia
 
Messaggi: 1067
Iscritto il: lunedì 10 luglio 2006, 14:09

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Tilius » giovedì 19 agosto 2010, 11:12

Cronista di Livonia ha scritto:Ma al di la' di questo se la mia affermazione di cui sopra da luogo a ipotesi di "pietismo" posso anche togliere la parte relativa agli "indecenti trattamenti" e lasciare tutto il resto, anche senza quella perche' mai il Re avrebbe dovuto concedere l'OSSA a chiunque se non lo aveva piu' concesso dal 1915 ad alcun britannico? Quali elementi di grande amicizia e fratellanza potevano mai motivare una tale scelta?


Su tutto il resto niente da eccepire, come già precisai in precedenza. [thumb_yello.gif]
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Cronista di Livonia » giovedì 19 agosto 2010, 11:21

Caro Tilius,

sono lieto che ci si trovi d'accordo, grazie.
Cordialmente,

Il Cronista di Livonia
Cronista di Livonia
 
Messaggi: 1067
Iscritto il: lunedì 10 luglio 2006, 14:09

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » giovedì 19 agosto 2010, 11:33

Cronista di Livonia ha scritto:Perche' no? Gli Asburgo-Lorena-Toscana non furono certo perseguitati o processati ed anche i Borbone che ben tardi si rassegnarono alla perdita del trono alla fine raggiunsero un accordo con lo Stato italiano.
Quale nemesi storica?
Qui si fanno battute per celare la propria ignoranza dei fatti su cui si basa invece la strumentalizzazione di un fatto storico. Dove sono delle risposte basate sui fatti?

Cordialmente,

Il Cronista di Livonia


"Gentile" Cronista, Questa mi è proprio nuova! Ma dove le ha studiate certe cose? Sulla Storia d'Italia a Fumetti di Enzo Biagi? [jump.gif] Non sa che tutti i beni dei Borbone furono confiscati dai Savoia come bottino di guerra dopo l'Unità e gli ultimi sovrani di Napoli furono sepolti nella cappella reale di Santa Chiara solo nel 1984. [nono.gif] Mi sa che l'ignorante (colui che ignora) non sono io. [nonono.gif] Lei vivrà pure in un altro secolo, ma io sono all'antica [wheelchair.gif] e una volta i membri dell'Ordine Costantiniano dovevano dimostrare fedeltà alla Real Casa di Borbone, che detiene il Gran Magistero, ed alla sua causa [mf_swordfight.gif] ; oggi, invece, con la "deplorevole" divisione [mf_argue.gif] del Sacro Ordine in due (o addirittura tre) rami e affiliazioni di cavalieri costantiniani [stab.gif] a ordini sabaudi [mf_toff.gif] , questa regola d'onore e ancor prima di coerenza è venuta meno, purtroppo! [crybaby.gif] [crybaby.gif] [crybaby.gif]
A presto.

PMMO

PS Comunque, per inciso, anche le cose che afferma Lei andrebbero circostanziate! Il tempo dell'Ipse dixit [notworthy.gif] è finito per tutti, fortunatamente!
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1810
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Mario Volpe » giovedì 19 agosto 2010, 11:35

Ma non si stava parlando di armadi ? [hmm.gif]

Com'è possibile che ogni volta che si inizia una discussione su un determinato argomento, si finisca poi puntualmente per divagare su tutt'altra questione... [nonono.gif] Qui non si stava parlando del trattamento ricevuto dai sovrani sconfitti o decaduti.

[offtopic.gif]
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3674
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Tilius » giovedì 19 agosto 2010, 11:54

Carissimi Tutti, non mi metto a invocare una ecumenica fratellanza di amore universale, epperò mi sentirei caldamente di consigliare (anche a me medesimo) una moderazione negli epiteti con allegra leggerezza elargiti al prossimo (una spiegazione civile e dettagliata é più che bastante, non necessitando scadimenti sul piano personale... che oltretutto, ragionando in termini eminentemente cinici, mancano totalmente il bersaglio, perché vittimizzano la persona a cui sono destinati e fanno sembrare indeducato chi li scrive... ergo, please, asteniamoci), e al contempo di approfondire ulteriormente lo studio storico di taluni periodi, evitando di applicare metri non propriamente adatti alla valutazione & al giudizio dei periodi storici in questione.

Se qualcuno vorrà riconoscersi in qualcuna di queste categorie (io mi riconosco in entrambe :mrgreen: ) ne verrà solo una più civile e più costruttiva discussione. ;)
Ultima modifica di Tilius il giovedì 19 agosto 2010, 12:01, modificato 1 volta in totale.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Tilius » giovedì 19 agosto 2010, 11:58

Mario Volpe ha scritto:Ma non si stava parlando di armadi ? [hmm.gif]

Com'è possibile che ogni volta che si inizia una discussione su un determinato argomento, si finisca poi puntualmente per divagare su tutt'altra questione... [nonono.gif] Qui non si stava parlando del trattamento ricevuto dai sovrani sconfitti o decaduti.

[offtopic.gif]


Già.
É che purtroppo, soprattutto ultimamente (sarà il 15O° anniversario dell'Unità che si avvicina e scalda gli animi? mah?!...), lo scontro fa gli schieramenti filosabaudi e filoborbonici si sta acuendo, balzando fuori nei posti più impensati (come il prezzemolo) e immancabilmente a sproposito (e forse più che di prezzemolo dovremmo parlare di gramigna)... [sweatdrop.gif]
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Tilius » giovedì 19 agosto 2010, 12:03

Tilius ha scritto:Carissimi Tutti,


Moderatore escluso, of course, ché lui é l'unico*** (e lo dico senza piaggeria alcuna) sempre civile & corretto in queste specifiche stanze.

*** o comunque dei pochissimi. :D
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: l'armadio di Goering

Messaggioda Cronista di Livonia » giovedì 19 agosto 2010, 12:05

Vedo che non avendo altri mezzi signor Onorati lei passa direttamente agli insulti. Contento lei.

Io mi limitero' a dimostrare come la sua ignoranza sia reale e la mia invece semplice frutto della sua faziosita' e del suo voler sempre avere ragione anche a costo di falsificare i fatti.

Non ho letto nulla di tutto cio' sulal Storia d'Italia a fumetti di Enzo Biagi. Ho piuttosto letto sul Marini-Dettina che quando negli anni '30 lo Stato italiano liquido' alcune pendenze con i Borbone Due Sicilie per i beni confiscati (qualcosa come il Palazzo di Caprarola, ma potrei sbagliare perche' vado a memoria) anche il famoso firmatario dell'atto di Cannes figuro' tra gli aventi diritto. Da tutto cio' ne deriva che un qualche accordo, anche se tardivo deve pur esserci stato o no?
Inoltre l'Ordine costantiniano venne si spossesato dei suoi beni, ma non abolito o proibito proprio per la sua veste particolare di Ordine dinastico e di vera Religione (come da Bolla pontificia) ed anche questo e' rispetto dei vinti, altrimenti vi sarebbe stata una elegante abolizione come quella repubblicana dell'OSSA o l'altrettanto elegante forzata cessazione conferimenti come per il OSSML ecc ecc.

Io le mie affermazioni le documento, ma lei o e' cosi' fazioso da non voler sentire oppure e' cosi carente in materia da non poter nemmeno capire cosa scrivo. Lo sa cosa e' la dichiarazione di Casablanca da me citata? da quello che scrive non ha nemmeno capito di cosa io stia parlando. Vuole che le pubblichi l'intero ruolo dei Cavalieri dell'OSSA per provare che l'ultimo britannico sia stato il principe Edoardo nel 1915 oppure preferisce ricevere la lista dei Primi Ministri della Prussia per vedervi il nome di Goering? Dove sarebbe la mia mancanza di prove?
Lei di prove non ne porta nemmeno una e invece, come suo solito, vola tranquillo al di sopra di tutte quelle che le si portano, bel modo di agire.

Sulle infedelta' dei Cavalieri si vergogni! Ma come si permette, ma quale antica ed antica, lei e' maleducato e basta. Detesto le vanterie, ma questa me la ha strappata di bocca, tra le tante cose fatte pro-Borbone in famiglia cito solo il fatto che a Velletri nel 1744 c'era un mio antenato (fratello di una antenata per essere precisi) a comandare un reggimento al servizio dei Borbone e ad aiutare a mettere sul trono Re Carlo e se non altro per tradizione familiare sono devoto ai Borbone inclusi quelli di Napoli, quindi non si permetta mai piu' di insinuare nulla del genere.
La mia devozione e' cosa mia e dell'eventuale Ordine di appartenenza, si curi invece delle sue di devozioni ed appartenenze che sono quello che sono. Le faccio comunque presente che sia Re Umberto II che il Principe Vittorio Emanuele sono collari costantiniani e il defunto Ferdinado Pio, cosi' come Ferdinado Duca di Castro sono stati collari dell'Annunziata, se questa non e' una riappacificazione decisa dai massimi livelli cosa sarebbe? Quindi le fantasiose incompatibilita' elaborate dalla sua mente sono semplice frutto della sua fantasia.

Il Cronista di Livonia



P.S. Caro Mario sono desolato, ma tu lo sai cosa succede su queste pagine quando si nomina la parola "Savoia", no? Scusa, ma cosa altro ti aspettavi. Poi con questi toni il minimo che si debba fare e' rispondere.
Cronista di Livonia
 
Messaggi: 1067
Iscritto il: lunedì 10 luglio 2006, 14:09

PrecedenteProssimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti