Mi date una mano a decifrare le medaglie...

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Messaggioda mct » domenica 28 gennaio 2007, 23:59

Emibro ha scritto:
Elmar Lang ha scritto:Salve,

il Collega emibro credo abbia visto giusto: il personaggio, all'epoca del ritratto era sicuramente di grado superiore a quello che appare nell'immagine. L'uniforme vestita è quella di "Oberst-Inhaber" (Colonnello Proprietario) di un reggimento.

La placca in basso (con raggiera dorata), benché abbia il centro non visibile, è sicuramente quella di Gran Croce dell'Aquila Rossa, la cui insegna si vede portata al collo.

Una piccola nota a margine: l'Ordine dell'Aquila Nera ("Haus-Orden vom Schwarzen Adler") era in classe unica, quindi chi ne era decorato non va' indicato come "Gran Croce" (Großkreuz), bensì come "Cavaliere" (Ritter).

Anch'io sono in trepidante attesa di conoscere ulteriori dettagli sul personaggio...

A presto,

Elmar Lang



MI pare che negli Stati Tedeschi (come nel Regno Unito tutt'oggi) vi fossero anche i Colonnelli a la suite di un reggimento, che ne vistivano l'uniforme e ne portavano il gradi, pur con delle differenze rispetto al Colonnello "Titolare".

E*


Gentile Sig. Emibro,
non ho ben capito la differenza fra i due "Colonnelli"....
A livello "pratico" cosa cambiava?

Grazie
M.
"Bóg nam radzi"
Avatar utente
mct
 
Messaggi: 595
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2003, 13:28
Località: Roma

Messaggioda Emibro » lunedì 29 gennaio 2007, 0:36

mct ha scritto:
Gentile Sig. Emibro,
non ho ben capito la differenza fra i due "Colonnelli"....
A livello "pratico" cosa cambiava?

Grazie
M.



Di Colonnelli "Titolari", inhaber, Colonel in Chief e similari ce n'è uno solo. Di Colonnelli a la suite o con altri tioli, ce ne possono essere più di uno. Teniamo ben presente che si tratta di figure e gradi onorari, cerimoniali, di prestigio, che hanno poca o nessuna influenza sulla gestione quotidiana della vita del reaprto.

Posso citare alcuni esempi.

Nell'800, quasi tutti i sovrani europei erano "Colonnelli" di Reggimenti di altri eserciti. Era una cosa normale, uno scambio di cortesie e favore. Era normale che un Colonnello "Titolare" premiasse ufficiali e soldati meritevoli con decorazione di proprio appannaggio. Ad esempio, Francesco Giuseppe decorò alcuni ufficiali e sott'ufficiali di un Reggimento di Cavalleria Britannico, il King's Dragoons Guards (che avevano come come stemma l'aquila bicipite). Così come i sovrani di Toscana, Modena e Due Sicilie decorarono persone che prestavano servizio in reggimenti di cui erano colonnelli.
Fra Prussia e Russia vi furono anche degli scambi di decorazione per atti di valore nelle campagne Russo Turca del 1878 e per le campagna di Cina e coloniali tedesche in cui lo Zar decorò "al valore" soldati tedeschi e il Kaiser soldati russi.

Ormai questa pratica si è persa, ma i Granduchi di Lussemburgo e il Re di Norvegia continuano ad essere Colonnelli di Reggimenti Britannici, premiando annualmente i migliori tiratori, e dando il proprio nome e monogramma a una Compagnia del Reggimento.

Tornando alla sua domanda, si tratta di due distinzioni onorifiche, una più prestigiosa dell'altra.

E*
---- Orbis Non Sufficit ----

**** Fortuna Defuit non Virtus ****

"Carri armati nemici fatta irruzione a sud. Con ciò "Ariete" accerchiata. Trovasi circa cinque chilometri nordovest Bir el Abd. CARRI "ARIETE" COMBATTONO!"
Emibro
 
Messaggi: 312
Iscritto il: lunedì 2 maggio 2005, 19:15
Località: Ducato di Parma

Messaggioda mct » lunedì 29 gennaio 2007, 12:30

Emibro ha scritto:
mct ha scritto:
Gentile Sig. Emibro,
non ho ben capito la differenza fra i due "Colonnelli"....
A livello "pratico" cosa cambiava?

Grazie
M.



Di Colonnelli "Titolari", inhaber, Colonel in Chief e similari ce n'è uno solo. Di Colonnelli a la suite o con altri tioli, ce ne possono essere più di uno. Teniamo ben presente che si tratta di figure e gradi onorari, cerimoniali, di prestigio, che hanno poca o nessuna influenza sulla gestione quotidiana della vita del reaprto.

Posso citare alcuni esempi.

Nell'800, quasi tutti i sovrani europei erano "Colonnelli" di Reggimenti di altri eserciti. Era una cosa normale, uno scambio di cortesie e favore. Era normale che un Colonnello "Titolare" premiasse ufficiali e soldati meritevoli con decorazione di proprio appannaggio. Ad esempio, Francesco Giuseppe decorò alcuni ufficiali e sott'ufficiali di un Reggimento di Cavalleria Britannico, il King's Dragoons Guards (che avevano come come stemma l'aquila bicipite). Così come i sovrani di Toscana, Modena e Due Sicilie decorarono persone che prestavano servizio in reggimenti di cui erano colonnelli.
Fra Prussia e Russia vi furono anche degli scambi di decorazione per atti di valore nelle campagne Russo Turca del 1878 e per le campagna di Cina e coloniali tedesche in cui lo Zar decorò "al valore" soldati tedeschi e il Kaiser soldati russi.

Ormai questa pratica si è persa, ma i Granduchi di Lussemburgo e il Re di Norvegia continuano ad essere Colonnelli di Reggimenti Britannici, premiando annualmente i migliori tiratori, e dando il proprio nome e monogramma a una Compagnia del Reggimento.

Tornando alla sua domanda, si tratta di due distinzioni onorifiche, una più prestigiosa dell'altra.

E*


Adesso mi è tutto più chiaro!
Nel caso specifico calzerebbe a pennello, anche perchè Friedrich Wilhelm Ferdinand Anton (1833-1904) era Aiutante di Campo nonchè cugino dell'Imperatore.
Stavo anche pensando che Visto che il ritratto è del 1897, e visto che Anton è morto nel 1904, molto probabilmente è diventato generale "in pensione" (o all'epoca non si usava passare di grado alla fine del servizio?)
Grazie
Massimiliano
"Bóg nam radzi"
Avatar utente
mct
 
Messaggi: 595
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2003, 13:28
Località: Roma

Messaggioda Emibro » lunedì 29 gennaio 2007, 13:23

I membri delle famiglie Reali erano nominati Ufficiali praticamente alla nascita, e cmq avevano una carriera militare molto più rapida rispetto agli altri Ufficiali.

E*
---- Orbis Non Sufficit ----

**** Fortuna Defuit non Virtus ****

"Carri armati nemici fatta irruzione a sud. Con ciò "Ariete" accerchiata. Trovasi circa cinque chilometri nordovest Bir el Abd. CARRI "ARIETE" COMBATTONO!"
Emibro
 
Messaggi: 312
Iscritto il: lunedì 2 maggio 2005, 19:15
Località: Ducato di Parma

Messaggioda mct » lunedì 29 gennaio 2007, 13:55

Grazie sig. Emibro!

Sig. Volpe, è riuscito ad intercettare qualcosa di nuovo da i dettagli che le ho inserito nei link esterni?

Immagine

Oppure la famosa Placca?

Immagine

Grazie
"Bóg nam radzi"
Avatar utente
mct
 
Messaggi: 595
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2003, 13:28
Località: Roma

Messaggioda Emibro » lunedì 29 gennaio 2007, 14:34

Mi pare di vedere la medaglia per il Giubileo di Guglielmo I (nastro Giallo, medaglia tona di diametro generoso), la terz'ultima mi parrebbe la Militar-Verdienstkreuz del Granducato di Mecklemburg-Schwerin, la pen'ultima potrebbe essere o un Allgemeins ehrenzeichen dell'Assia, oppure una medaglia per lungo servizio prussiana...

Altre medaglie che riconosco sono la croce commemorativa per la Guerra Austro-prussiana del '66 e quella per la Franco-Prussiana del '70 (con tre barrette sul nastro). Più, ovviamente, gli Ordini già individuati dal Volpe.


E*
---- Orbis Non Sufficit ----

**** Fortuna Defuit non Virtus ****

"Carri armati nemici fatta irruzione a sud. Con ciò "Ariete" accerchiata. Trovasi circa cinque chilometri nordovest Bir el Abd. CARRI "ARIETE" COMBATTONO!"
Emibro
 
Messaggi: 312
Iscritto il: lunedì 2 maggio 2005, 19:15
Località: Ducato di Parma

Messaggioda Mario Volpe » lunedì 29 gennaio 2007, 15:31

In effetti avevo tralasciato le decorazioni "minori", che non credevo potessero interessare (soprattutto dopo aver visto l'impressionante serie di ordini cavallereschi posseduti dal nostro alto ufficiale).
Comunque vediamo di riepilogare la situazione. In generale concordo con quanto già indicato da Emibro, ossia sulla medaglia di Guglielmo I:

Immagine

Sulla croce al Merito Militare del Mecklemburg, che avevo già individuato anch'io:

Immagine

Sulla Allgemeins ehrenzeichen dell'Assia è questa, ma ho qualche dubbio:

Immagine

Mentre la croce commemorativa per la Guerra Austro-prussiana (Duppel Kreuz) del '64 dovrebbe essere questa:

Immagine

E la medaglia per la guerra franco-prussiana del '70 è invece quest'altra (senza però alcuna barretta):

Immagine

E qui mi fermo non riuscendo a individuare altro.

Cordialmente,

Mario Volpe
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3677
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda mct » lunedì 29 gennaio 2007, 17:27

Sig. Volpe Grazi mille!!
...Ringrazio Tutti per l'aiuto!!
Massimiliano :wink:
"Bóg nam radzi"
Avatar utente
mct
 
Messaggi: 595
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2003, 13:28
Località: Roma

Messaggioda Mario Volpe » mercoledì 31 gennaio 2007, 14:05

A completamento di quanto riportato sul medagliere di questo ufficiale prussiano, segnalo che il distintivo coronato e smaltato di blu posto tra le placche degli ordini cavallereschi, potrebbe essere un "distintivo di corte" concesso al nostro personaggio dal Kaiser Guglielmo, sul tipo di questo relativo al Kaiser austriaco Karl I:

Immagine

o sul tipo di questa spilla pertinente al Kaiser Gugliemo II di prussia:

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3677
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Elmar Lang » mercoledì 31 gennaio 2007, 17:31

Salve,

il distintivo in questione appartiene alla serie dei "Gedenkzeichen für die militärischen Gefolge Kaiser Wilhelms I und Kaiser Friedrich III" ("Insegne commemorative per il Seguito degli Imperatori Guglielmo I e Federico III").

Dal color oro del distintivo che vediamo sul ritratto, si tratta del "Distintivo per gli Aiutanti Generali di Guglielmo I", istituito dal Kaiser Guhlielmo II il 3 XII 1888 in ricordo del nonno. In questa versione era destinato solo ai Principi Reali del Seguito Militare ed agli Aiutanti Generali (cfr. Hessenthal-Schreiber "Die Tragbaren Ehrenzeichen im Großdeutschen Reich", Berlino, 1940, pag. 378, n.1361); per i "Generale à la Suite", il distintivo era argentato e con il solo monogramma dorato; per i "Flügeladjutanten" (Aiutanti d'Ala") era interamente argentato.

Una nota interessante -mi scuso per la divagazione- è che anche l'Imperatore d'Austria Francesco Giuseppe istituì nel 1899 un distintivo assai simile nella grafica, per ricordare lo zio, il Feldmaresciallo Arciduca Alberto. Questo distintivo fu conferito ai 34 membri del Seguito Militare dell'Arciduca ancora viventi all'epoca dell'istituzione dell'onorificenza, che infatti si discosta dallo stile pressoché inconfondibile della faleristica austroungarica.

A presto,

Elmar Lang
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3381
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Messaggioda Mario Volpe » mercoledì 31 gennaio 2007, 19:33

Ecco, ora che so come si chiama esattamente questo tipo di distintivo - grazie a Elmar Lang - posso anche inserire un'immagine relativa ad un "gedenkzeichen für Flügeladjutanten König (Kaiser) Wilhelms II":

Immagine

Cordialmente,

Mario Volpe
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3677
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Precedente

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti