SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda Antesterione » lunedì 12 aprile 2010, 13:01

In merito all'"N.H."
Confermo e ci tengo a sottolineare che nel mio intervento, ho specificato quanto avviene (credo sia una consuetudine in via di estinzione) nell'italia meridionale, ove alcuni (si tratta sovente di anziani) continuano ad usare l'NH per cortesia, stante a indicare un gentiluomo e non il titolo nobiliare omonimo veneto... la geografia ci aiuta a comprendere che non si tratta di un'attribuzione abusiva di un titolo lontano quanto di un uso locale (come poteva essere il "Don" per intenderci, non certo con la sua accezione post unitaria). Tale uso viene fatto anche per le antiche famiglie "notabili", ciò a sottolineare che non si tratti di altro che di un trattamento di cortesia consuetudinario. Un tempo credo venisse utilizzato anche nei confronti di alti ufficiali, come peraltro è stato detto anche in passate discussioni, giungendo sempre all'univoca e "accademica" conclusione che si tratti formalmente di un abuso.

Quel che ritengo rilevante in questa discussione non è tanto la non liceità dell'N.H. (che come tale, per chi sa, non va usato neanche per cortesia), quanto l'aver esplicitato che il titolo di Cavaliere possieda, nei casi discussi nella presente, qualità cavalleresco-nobiliare, ciò detto esso va usato nei termini previsti dagli statuti e dal diploma dell'Ordine, quindi senza aggiunta di ulteriori specificazioni e titoli in essi non previsti.

Dirò un'ovvietà che non viene mai sufficientemente evidenziata, ma sarebbe auspicabile diffondere una cultura dell'argomento che sappia distinguere tra Cavalierati e Cavalierati:

Penso alle diverse discussioni in cui si è tentato di attribuire le caratteristiche di ordini militari ad ordini che non ne hanno titolo, parlando di investiture, mantelli, speroni e spade o della loro ipotetitca introduzione dove non presenti (che oggi abusivamente pretendono un po' tutti, dai newcomers ai fintissimi).
Credo che questo forum, anche con discussioni come la presente, possa aver contribuito non poco ad una maggiore consapevolezza (almeno tra i suoi frequentatori) dei distinguo.
A l'heure où le mal a si souvent droit de cité parmi les hommes, et jusque dans les plus hautes institutions, le réveil de la vocation chevaleresque est une urgence, à laquelle le ciel n'a jamais tardé à répondre. P. Philippe-Emmanuel RAUSIS o.p.
Avatar utente
Antesterione
 
Messaggi: 535
Iscritto il: domenica 25 giugno 2006, 11:43

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda adj » lunedì 12 aprile 2010, 13:10

Antesterione ha scritto:Dirò un'ovvietà che non viene mai sufficientemente evidenziata, ma sarebbe auspicabile diffondere una cultura dell'argomento che sappia distinguere tra Cavalierati e Cavalierati:


Grazie per l'intervento, come al solito, molto preciso.

Chiaramente il cavalierato in un ordine militante non è la stessa cosa di un cavalierato "di merito", per quanto prestigioso quest'ultimo possa essere.
Sono di fatto due mondi diversi - per storia, tradizione, coinvolgimento personale - anche se accomunati da una terminologia forse impropriamente entrata nell'uso.
adj
 

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda Tilius » lunedì 12 aprile 2010, 14:00

Antesterione ha scritto:Quel che ritengo rilevante in questa discussione non è tanto la non liceità dell'N.H. (che come tale, per chi sa, non va usato neanche per cortesia), quanto l'aver esplicitato che il titolo di Cavaliere possieda, nei casi discussi nella presente, qualità cavalleresco-nobiliare, ciò detto esso va usato nei termini previsti dagli statuti e dal diploma dell'Ordine, quindi senza aggiunta di ulteriori specificazioni e titoli in essi non previsti.

Credo che questo forum, anche con discussioni come la presente, possa aver contribuito non poco ad una maggiore consapevolezza (almeno tra i suoi frequentatori) dei distinguo.

Sul fatto che il Forum faccia chiarezza, nulla da eccepire.
Discussioni come la presente le ritengo invece perniciose & dannosissime.
Innanzitutto sono borderline fra la vera tradizione cavalleresca e illazioni assurde solo apparentemente connesse con essa. Ergo é molto difficile distinguere fra le due cose.
C'é inoltre chi, nonostante gli si esprimano ripetuti e motivati pareri contrari, continua diritto per la sua strada affermando come comprovate, "lecite" e "logiche" affermazioni che in realtà sono scorrettissime e prive di qualsivoglia fondamento.
Il meccanismo (e mi duole notare che é stato più vole replicato) é il seguente:
A: "Ma cosa ne pensate dell'asserzione XXX?
B:"Sbagliata."
C:"Errata."
D:"Infondata."
A:"Direi a questo punto che l'asserzione XXX é lecita."

Personalmente trovo questo genere di disinformazione più pericoloso della propaganda degli ordini farlocchi™: almeno quella è palese, mentre questa é cosa più subdola.

Una forma mentis del tipo "l'idea é giusta/logica/lecita perché é la mia idea e quindi ignoro tranquillamente il fatto che qualcuno infinitamente più addentro all'argomento ne dica il contrario" mi trova fermissimamente contrario. Se non si sa qualcosa e quindi si chiede, allora sarebbe buona prassi tenere in considerazione tutte le risposte e non abbracciare indefessamente quelle (vagamente) favorevoli e ignorare bellamente la messe, molto più corposa, di quelle contrarie.
Senza contare le affermazioni tiepide di chi tende a salvare il savabile del discorso, contribuendo con siffatta pur comprensibile inclinazione non certo a far chiarezza nella testa di chi ha posto la domanda... il quale infine arriva, nonostante tutto, a proclamare, contro ogni evidenza, vieppiù per iscritto, che l'intuizione iniziale sarebbe "lecita" quando in realta non lo é.

Ergo vi scongiuro: non facciamo i buonisti sviando l'attenzione dal vero motivo (errato) che ha originato la discussione medesima.
Se si vogliono sostenere (altri) principi validi allora é grandemente opportuno farlo in contesti non inficiati da errori di fondo.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12836
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda herald » lunedì 12 aprile 2010, 18:10

AndreaSperelli ha scritto:In effetti quanto espresso da Herald è stata la “molla” che ha scatenato la domanda sull’uso dell’ N.H. per un Cavaliere di Grazia Magistrale. Effettivamente, se la nobiltà personale viene conferita tramite il cavalierato (come indicato nella lezione presa in esame), penso che l’uso dell’N.H. sia lecito, infatti, il titolo nobiliare verrebbe attribuito da uno stato sovrano, quindi con una legittima fons honorum. Direi a questo punto che la nobilitazione che deriva dallo SMOM, in quanto stato sovrano, è alla pari di quella conferita da un qualsiasi altro stato in cui è presente un monarca.

Ovviamente lo stato italiano, pur riconoscendo la sovranità dello SMOM, non riconosce la nobiltà, ma non penso che questo possa invalidare la tesi prima esposta.

A.S.


in realtà ho soltanto espresso quanto penso in merito, ovvero che un Cav. di Grazia Magistrale gode di nobiltà personale.
è chiaro che poichè non è mai stato in uso, nell'Ordine, appellare un Cavaliere con il titolo di N.H. (che al nord spetta ai Patrizi Veneti ed al sud si usa come consuetudine di "cortesia" alla stregua del Don), questo non va usato.
il titolo di Cavaliere di Grazia Magistrale esprime già in sè tale dignità.

cordialità
ad ventura capiendum
Avatar utente
herald
 
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 15 marzo 2003, 17:32
Località: tagliacozzo

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda AndreaSperelli » mercoledì 14 aprile 2010, 23:41

Carissimi,

solitamente i miei interventi sul forum sono dedicati alla condivisione delle nozioni apprese dai miei studi, e dalle domande che pongo ai gentili colleghi forumisi. Data la vastità della materia qui trattata, non esito a definirmi inesperto, e non posso far altro che complimentermi per gli interventi di molti eccellenti forumisti, in grado di illustrare in maniera chiara e dettagliata ogni mio quesito.

In questo specifico caso vorrei invece intervenire sostenendo che un post di questo tipo, se letto a fondo, non porta alla "disinformazione", ma al contrario partendo da un determinato punto di vista vede lo sviluppo di diversi pareri, che vengono puntualmente giustificati portando il lettore ad un punto condiviso ricco di "prove" e commenti.

Ovviamente mi sono sentito chiamato in causa dall'amico Tilius dal momento che in questo post sono stato il primo ad esordire con la parola "lecito" ;) , e del resto il suo commento non poteva passare inosservato dato il suo stile sanguineo e dirompente a cui siamo ormai tutti abituati (ovviamente inteso in senso buono) :D , in questo caso vorrei semplicemente dire che fin tanto che non sono convinto di una tesi, è mia consuetudine inserire punti che avvalorano la mia idea, se infine questa risulta errata, non esito a riconoscere l'errore (per mia fortuna sono ancora dotato di elasticità mentale che mi porta a cambiar rotta nel caso in cui il persorso si rilevi errato). Con questo ovviamente non indendo far polemica, ma semplicemente non volevo essere etichettato come colui che "continua diritto per la sua strada affermando come comprovate, "lecite" e "logiche" affermazioni che in realtà sono scorrettissime", dal momento una "filosofia" di questo tipo non è certamente quella da mer perseguita.

Saluti,
A.S.
Honneur, Valeur, Distinction, Considération
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 866
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: SMOM: Cavalieri di Grazia Magistrale

Messaggioda Tilius » giovedì 15 aprile 2010, 12:18

AndreaSperelli ha scritto:Con questo ovviamente non indendo far polemica, ma semplicemente non volevo essere etichettato come colui che "continua diritto per la sua strada affermando come comprovate, "lecite" e "logiche" affermazioni che in realtà sono scorrettissime", dal momento una "filosofia" di questo tipo non è certamente quella da mer perseguita.
Saluti,
A.S.


Sono il primo a rallegrarmene. [thumb_yello.gif]
Un caro saluto,
T.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12836
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Precedente

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti