Informazione sul "Capo di Venezia"

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 27 ottobre 2009, 17:58

Più di qualcuna, evidentemente... [angel]
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3546
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Guido5 » martedì 27 ottobre 2009, 22:39

Cari amici,
quasi del tutto "off topic" - anche se vale la pena - questa curiosa rappresentazione del "leone" di san Marco nella sacrestia della "Iglesia de La Compañia" ad Arequipa:

Immagine

L'immagine è tratta da una cartolina perché nell'interno è vietato fotografare. Come è evidente, il pittore non aveva mai visto un leone e nessuno ha saputo descriverglielo, così se l'è immaginato come una grossa scimmia.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5106
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Zaccheo » giovedì 29 ottobre 2009, 16:08

nicolad72 ha scritto:Come sempre qualche eccezione si trova.
Immagine
Immagine

Gentile Nicola,
il capo araldico di rosso, al leone marciano passante col libro, il tutto d'oro visibile nelle armi cardinalizie da te proposte fu utilizzato dai patriarchi Adeodato Giovanni Piazza, O.C.D., e Giovanni Urbani in virtù della loro origine veneziana: religiosa e sacerdotale per il primo, di nascita per il secondo (che poi fu anche prete e vescovo ausiliare di Venezia). Come limpidamente detto dal Prof. Giorgio Aldrighetti, infatti, "i vescovi originari di Venezia caricano (...) nei loro stemmi il capo di San Marco: di rosso, al leone marciano passante col libro, il tutto d'oro" che è differente dall'insegna araldica del Patriarcato di Venezia (d’argento, al leone alato di san Marco, al naturale, col libro). Se ne deduce, dunque, che i menzionati presuli Piazza e Urbani, veneziani di origine, una volta eletti patriarchi della Città marciana, liberamente e legittimamente avrebbero potuto scegliere per il loro stemma l'una o l'altra soluzione araldica.

Ferrante M.L.
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2241
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Antonio Pompili » venerdì 30 ottobre 2009, 0:51

Zaccheo ha scritto:il capo araldico di rosso, al leone marciano passante col libro, il tutto d'oro visibile nelle armi cardinalizie da te proposte fu utilizzato dai patriarchi Adeodato Giovanni Piazza, O.C.D., e Giovanni Urbani in virtù della loro origine veneziana: religiosa e sacerdotale per il primo, di nascita per il secondo (che poi fu anche prete e vescovo ausiliare di Venezia). Come limpidamente detto dal Prof. Giorgio Aldrighetti, infatti, "i vescovi originari di Venezia caricano (...) nei loro stemmi il capo di San Marco: di rosso, al leone marciano passante col libro, il tutto d'oro" che è differente dall'insegna araldica del Patriarcato di Venezia (d’argento, al leone alato di san Marco, al naturale, col libro). Se ne deduce, dunque, che i menzionati presuli Piazza e Urbani, veneziani di origine, una volta eletti patriarchi della Città marciana, liberamente e legittimamente avrebbero potuto scegliere per il loro stemma l'una o l'altra soluzione araldica.

Effettivamente Giorgio aveva detto già un po' tutto quello che rimaneva da dire sull'argomento ma - si sa - repetita iuvant. E forse non sarà neppure inutile ribadire che negli stemmi prelatizi in cui il capo patriarcale compare, il leone alato non sempre è degli smalti suoi propri sopra richiamati. E dietro questo fatto possiamo vedere l'influsso nell'araldica ecclesiastica veneziana della libertà con cui fino a tempi recenti è stato rappresentato l'emblema araldico di Venezia, come sopra abbiam ricordato.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3546
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Zaccheo » sabato 31 ottobre 2009, 8:18

Il vescovo francescano Mario Raffaele Radossi, nativo dell'Istria e sacerdote della Chiesa veneziana, portò con se il relativo e caratteristico capo araldico nelle sedi episcopali di Pola e Parenzo e, poi, di Spoleto.

Immagine
Arma del vescovo di Pola, Raffaele Radossi, OFM Conv.

Ferrante M.L.
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2241
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Antonio Pompili » sabato 31 ottobre 2009, 11:09

Grazie per l'esempio, caro Ferrante.
Gli esempi potrebbero moltiplicarsi...
Ma ormai la cosa dovrebbe esser chiara per tutti. Per cui converrà intervenire con altri messaggi solo nella misura in cui si potrà apportare alla presente discussione qualche elemento di novità.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3546
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Zaccheo » sabato 31 ottobre 2009, 12:02

Mi rallegro per il fatto che la questione si sia chiarita. Per tutti.

Ferrante M.L.
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2241
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » sabato 31 ottobre 2009, 12:52

Anch'io me ne rallegro...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 414
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Antonio Pompili » sabato 31 ottobre 2009, 14:20

Ce ne rallegriamo tutti! :D Siamo qui proprio per questo. E, se non è di troppo ancora una mia parola, consentimi caro Giorgio di manifestarti la mia ammirazione e la mia personale gratitudine per il tuo fondamentale e arricchente apporto - contributo di un vero esperto dell'argomento trattato - alla nostra discussione!
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3546
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » sabato 31 ottobre 2009, 16:11

Grazie di vero cuore per le belle espressioni usatemi..
In effetti, sia per lo stemma del cardinale patriarca di Venezia Angelo Scola, come per quello del vescovo ausiliare mons. Beniamino Pizziol, ho curato l'ideazione, l'esegesi e la relativa blasonatura come, d'altro canto, ho curato le relative istruttorie storico-araldiche pe lo stemma, bandiera, gonfalone e sigillo della Provincia e del Comune di Venezia,sino alla luce dei relativi DD.PP.RR concessivi e quindi, il leone di san Marco, da una vita, è la figura araldica da me maggiormente studiata e - se mi si consente - amata.
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 414
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: Informazione sul "Capo di Venezia"

Messaggioda nicolad72 » sabato 31 ottobre 2009, 16:18

I miei più vivi complimenti! Anche e soprattutto per l'amore che traspare per la sua terra attraverso ciò che la rappresenta.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10549
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Precedente

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti