Pagina 1 di 1

Attributo alato

MessaggioInviato: sabato 18 gennaio 2020, 16:04
da Nunkij
Salve a tutti,
mi è venuto un dubbio riguardante l'attributo alato.

Quando leggete in un blasone che una figura è alata come vi aspettate di trovare le ali?
Per esempio un leone, che è rappresentato di profilo, ha le ali entrambe addossate e rivolte verso la sinistra dello scudo. Allo stesso modo viene rappresentato un grifone o un cavallo alato.

Se invece ad essere dotato di ali è un cuore o un calice ci aspettiamo che le ali siano spiegate.

Ma per esempio un serpente alato in palo come vi aspettate che abbia le ali?

Esistono delle regole, delle tradizioni precise oppure dal momento che sono figure rare si decide caso per caso?

Grazie a chi mi risponderà.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: martedì 21 gennaio 2020, 0:10
da mcs
Gent.mo Nunkij,

le figure che a differenza della loro natura vengono definite alate, sia che esse siano animate che inanimate, hanno le ali normalmente spiegate; nel caso in cui la loro posizione sia diversa, essa va blasonata.

Nel suddetto caso di un serpente alato in palo, avremo quindi un'ala spiegata a destra e una a sinistra del suo corpo posizionato verticalmente con la testa verso il capo e la coda in direzione della punta dello scudo.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: martedì 21 gennaio 2020, 2:54
da Nunkij
Però un leone o un cavallo alato non hanno le ali entrambe disposte "dietro le spalle"? Io li ho sempre visti così.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: martedì 21 gennaio 2020, 11:54
da mcs
Nunkij ha scritto:...per esempio un serpente alato in palo come vi aspettate che abbia le ali?

Esistono delle regole, delle tradizioni precise oppure dal momento che sono figure rare si decide caso per caso?


mcs ha scritto:Gent.mo Nunkij,

le figure che a differenza della loro natura vengono definite alate, sia che esse siano animate che inanimate, hanno le ali normalmente spiegate; nel caso in cui la loro posizione sia diversa, essa va blasonata.

Nel suddetto caso di un serpente alato in palo, avremo quindi un'ala spiegata a destra e una a sinistra del suo corpo posizionato verticalmente con la testa verso il capo e la coda in direzione della punta dello scudo.


Se non sono stata sufficientemente chiara mi scuso: la mia risposta si riferisce alle figure rare sulle quali chiede chiarimenti.

Parlando di alcune delle figure più ricorrenti da lei citate, il grifo ad esempio è per sua natura alato: la metà superiore è aquila (con il volo spiegato) e quella inferiore leone, ha orecchie da cavallo e normalmente è rampante. Di conseguenza viene blasonato semplicemente come grifo aggiungendone lo smalto ed eventuali altri attributi, es. grifo d'argento coronato d'oro, linguato di rosso ecc.
Il leone nella posizione normale è rappresentato rampante (ritto sulle zampe posteriori), quando è alato va blasonato come leone alato, mentre quando il leone alato è rappresentato in orizzontale su tutte 4 le zampe, ne va blasonata anche la posizione in leone passante alato.
Ogni figura ha le sue caratteristiche ed occorre blasonarla in base alle consuetudini dell'araldica con le quali ci confrontiamo ogni giorno.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 1:21
da Nunkij
Grazie mille per il chiarimento.
Tuttavia inizio a pensare che ho della confusione tra le varie terminologie.
Provo a inserire delle immagini per essere più chiaro.

Chiedo venia per i colori ma le ho disegnate al volo.
La prima immagine per me è un serpente con le ali spiegate, giusto? Secondo ciò che mi ha detto dovrebbe essere la rappresentazione standard.

Tuttavia se mi dice che il grigo ha le ali spiegate qualcosa non quadra, in quanto ho sempre visto grifoni con le ali che puntavano entrambe verso la sinistra dello scudo (come nella seconda immagine).

La seconda immagine a questo punto dovrebbe essere un serpente con le ali addossate giusto?

Ho scelto di rappresentarlo con le ali "da rettile" perché immagino che sia una modalità più standard e che eventuali ali piumate andrebbero specificate nel blasone.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 12:45
da mcs
Ok... troppa carne al fuoco!

Proviamo a cominciare da una cosa "semplice" lasciando per ora da parte ali e immaginazione: il serpente.
Qual è la sua posizione "normale" in araldica?
Quali armi, partendo da quelle più remote, possiamo guardare per trarne esempi/insegnamenti?
Quali blasoni?

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 16:00
da Nunkij
Per esperienza e anche a senso la posizione normale di un serpente dovrebbe essere in fascia.

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 16:19
da mcs
Nunkij ha scritto:Per esperienza e anche a senso la posizione normale di un serpente dovrebbe essere in fascia.


Bene, può documentare tale affermazione?
Forse le sembrerà strana questa richiesta, ma vorrei utilizzare questo post come esempio per fare una ricerca seria e documentata non solo su questo argomento, ma sulle figure dell'araldica in generale.

Mi vuole aiutare? Grazie in ogni caso

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 17:47
da Tilius
Nunkij ha scritto:Ho scelto di rappresentarlo con le ali "da rettile" perché immagino che sia una modalità più standard e che eventuali ali piumate andrebbero specificate nel blasone.

Immagini male.
:roll:

Re: Attributo alato

MessaggioInviato: mercoledì 22 gennaio 2020, 20:11
da Nunkij
Ho consultato il Volpicella, il Guelfi-Camajani, il Crollalanza e il Di Montauto e tutti affermano che il serpente si rappresenta "xxx", senza specificare un'attitudine precisa.

A questo punto le opzioni dovrebbero essere due:

1. O non esiste una modalità standard in cui si pone il serpente
2. Oppure ci si dovrebbe riferire, come suggeriva in un altro post Antonio Pompili riguardo alla spada, non soltanto ai dizionari ma anche a come un oggetto sia presente nella realtà.

Probabilmente un mio ragionamento inconscio basato sul secondo punto mi portava a considerare la posizione in fascia come quella standard.

Non si preoccupi di chiedere fonti, sono una persona molto "fissata" con le fonti in generale, l'unica mia limitazione è il tempo, ma avendone non è un problema ricercare e citare tutto ciò che serve.