Stemmi vescovili

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, fra' Eusanio da Ocre, Antonio Pompili

Re: Stemmi vescovili

Messaggioda Al80 » lunedì 22 marzo 2010, 22:54

Effettivamente lo stato di conservazione è ottimo, anche se sicuramente il pigmento è stato riaggiunto perchè in una vecchia foto che ho avuto modo di vedere era quasi del tutto scomparso. Comunque sperando di riuscire a trovare il tempo continuerò a cercare soprattutto in questa direzione (quella dell'abate pipino!) come anche voi mi suggerite! :)
Al80
 
Messaggi: 8
Iscritto il: lunedì 8 marzo 2010, 10:39

Re: Stemmi vescovili

Messaggioda da Fiore » martedì 23 marzo 2010, 1:05

Antonio Pompili ha scritto: Direi che anche a livello di fattezze lo stemma potrebbe esser datato senza troppi problemi alla metà del XVIII secolo. Mi sembrerebbe questa l'ipotesi più attendibile.
Anche se non si può escludere una realizzazione più tardiva con intento imitativo di uno stile più antico. Lascia, secondo me, aperta questa possibilità la quasi perfetta conservazione dei tratti (e un secolo o più di differenza può pesare molto in questo senso).


Si, caro Antonio, a me sembra più un manufatto ottocentesco .

Che bella l'acquasantiera, e pensare che in questa chiesa ho fatto la Cresima!
Ma allora non guardavo ancora stemmi [ops.gif]
Carmina litterae non dant panem...
...sed...
Deus nobis haec otia fecit (Verg. Buc. I)
da Fiore
 
Messaggi: 610
Iscritto il: martedì 16 maggio 2006, 1:38
Località: Gioiosa Jonica (RC)

Re: Stemmi vescovili

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 23 marzo 2010, 13:59

Ah, carissima! Anch'io certe volte penso a tutti gli anni "persi" senza porre attenzione alle tante ricchezze araldiche che a partire da Roma, per arrivare ad altre città d'Italia e d'Europa, mi son lasciato alle spalle! Ma avremo tempo di recuperare...
Quanto al manufatto, solo ora noto - distogliendo per un attimo l'attenzione dallo stemma - che in particolare quella bombatura piuttosto squadrata della colonna potrebbe essere effettivamente più caratteristica dell'Ottocento che non di un secolo precedente...
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Moderatore Forum Araldica e Bibliografia
 
Messaggi: 3278
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Stemmi vescovili

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » domenica 11 aprile 2010, 16:16

Antonio Pompili ha scritto:Innanzitutto, sinceramente mi suona nuovo il titolo di "abate regio". Sì, ci sono abbazie che sono state insignite nel passato del titolo di "abbazia reale". Ma il titolo di abate regio non mi sembra sia mai stato utilizzato nemmeno per abati a capo di queste abbazie. Comunque gli abati cominciarono inizialmente a fare uso della mitra per timbrare i loro scudi (similmente a come avveniva per i vescovi). E in seguito adottarono anche il cappello prelatizio che, solitamente nero, per un abate territoriale (in passato detto "nullius") potrebbe esser verde (ma un simile uso lo ritengo improbabile per uno stemma del XVIII secolo).


Gentile Don Antonio,
anche gli abati non territoriali possono indossare le insegne pontificali (mitria, croce pettorale, anello)?
Grazie per la risposta.
PMMO
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1656
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: Stemmi vescovili

Messaggioda Antonio Pompili » domenica 11 aprile 2010, 23:29

Pasquale M. M. Onorati ha scritto:Gentile Don Antonio, anche gli abati non territoriali possono indossare le insegne pontificali (mitria, croce pettorale, anello)?

Certo. Possono portare la croce pettorale e l'anello ovunque. E possono far uso della mitra (e del pastorale) solo nella loro chiesa abbaziale, mentre un abate nullius può usare le insegne anche nel suo territorio. La differenza è nello zucchetto: viola per quelli nullius, nero per gli abati di governo (tranne il caso di un indulto personale). Ma queste sono differenze che non hanno alcun riflesso diretto nelle rappresentazioni araldiche, dove la distinzione (a parte l'opportuno uso della croce per un abate-vescovo) si può manifestare - come sopra ricordavo - a livello del cappello prelatizio (verde per i nullius, nero per gli altri). Certamente, poi, il diverso colore dello zucchetto, indica nell'abbigliamento, ciò che nelle composizioni araldiche si può rendere visibile a livello del timbro.

Grazie per la risposta.

Grazie a te.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Moderatore Forum Araldica e Bibliografia
 
Messaggi: 3278
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Precedente

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: GENS VALERIA e 8 ospiti